Video alla "Kill Bill", la Commissione Europea accusata di razzismo

Articolo pubblicato il 06 marzo 2012
Articolo pubblicato il 06 marzo 2012

"Ma era proprio necessario"? Sono i commenti più leggeri rivolti al video della Commissione Europea, un breve videoclip sulla scia di "uniti siamo più forti", che è stato ritirato poche ore dopo la sua pubblicazione online. Il video, nelle intenzioni degli autori, doveva mostrare una sosia di Uma Thurman alle prese con dei maestri d'arti marziali. La protagonista di Kill Bill, come per incanto, si moltiplicava per dodici, e aveva la meglio sui nemici. Tutto molto esaltante: se non fosse che i "nemici" in questione erano di nazionalità cinese, indiana e brasiliana. A ben vedere, cittadini dei più importanti partner strategici dell'Unione, messi al tappeto dai fantastici Dodici; l'Unione Europea diventa così una vera "macchina da guerra" e, per dissipare ogni dubbio del pubblico, le dodici guerriere si siedono in cerchio attorno ai nemici e completano la loro metamorfosi in dodici stelle gialle. Visto le premesse, per il prossimo video chiameranno tre pugili siriani?