Sokurov vince col "Faust" a Venezia: dedicato alla Russia?

Articolo pubblicato il 13 settembre 2011
Articolo pubblicato il 13 settembre 2011

La ricerca della polemica lo ha premiato? Le contrastanti ma appassionate critiche all'adattamento del Faust di Alexander Sokurov hanno portato il regista russo al centro dell'attenzione, e la giuria della 68esima Mostra del Cinema di Venezia lo ha premiato con il Leone d'Oro. Sokurov è uno di quei registi senza vie di mezzo, che si amano o si odiano, noto per le sue produzioni dense e complesse, come il film Arca Russa del 2002, che lo ha portato alla ribalta: una pellicola realizzata con una sola sequenza di ripresa. Con il Faust (al cinema in Italia dall'8 dicembre) completa una tetralogia sul potere, dopo Moloch dedicato a Hitler, Taurus su Lenin, e Il sole sull' imperatore Hirohito: la nuova storia, che narra di un uomo che vende l'anima per il potere, si riferisce a uno Stato spudoratamente guidato dal suo desiderio di soldi e potere?