Torino

I 5 aperitivi più originali a Torino

Articolo pubblicato il 22 luglio 2015
Articolo pubblicato il 22 luglio 2015

La nostra rubrica "Le 5 cose" continua: questa volta è dedicata al rito sacro dell'aperitivo a Torino.

Noi torinesi (e mi ci metto dentro) siamo grandi amanti dei primati, i nostri. Quindi non a caso vi dico: lo sapevate che l’aperitivo è nato a Torino? Altro che Milano. E’ stato inventato nel capoluogo sabaudo nel 1786 da tale Antonio Benedetto Carpano, che nella sua bottega sotto i portici di Piazza Castello creò il vermouth, che divenne l’aperitivo per eccellenza in città, accompagnato da stuzzichini come grissini e salumi e, per i più audaci, bagna càuda. Il rito si chiamava merenda sinoira (merenda serale), ed era l'apericena ante litteram. I torinesi dunque sanno come si fa un buon aperitivo, e non poteva mancare una guida ai 5 migliori della città.

Vermouth Anselmo

Impossibile non citarlo per primo, Vermouth Anselmo offre la nuova generazione del vermouth: il tradizionale vino aromatizzato con erbe e spezie nato 200 anni fa rinasce in chiave contemporanea in questo locale dal sapore vintage e dall’atmosfera anni Venti a San Salvario, il quartiere più bohémien della città. Accompagnate all'aperitivo le tapas e gli stuzzichini che offre il locale o, se volete, fermatevi direttamente a cena: c’è sempre un piatto a base di vermouth che, neanche a dirlo, è paradisiaco (da provare le cozze sfumate al vermouth con curry e coriandolo fresco).

Smile Tree

Se state cercando un cocktail scenografico, il posto per voi è lo Smile Tree. Situato nel Quadrilatero Romano, quartiere parisien di Torino, questo locale è una leggenda. Forse perché nessuno è mai riuscito ad andarci più di due volte. Durante il weekend le code in attesa sono lunghette, ma la qualità dei loro drink le vale tutte. Aperitivo vegan e sfizioso, cocktail originali accompagnati da tanta frutta esotica rendono questo locale unico. Preparatevi a sorseggiare da una caffettiera, da una noce di cocco o da una teiera, e anche ordinando un semplice gin & tonic non sapete mai cosa vi arriverà al tavolo, probabilmente un uovo stellare.

Esperia

Situato sulla sponda del fiume Po, la location di questo locale vale già una visita. Di giorno magnifico ed elegante circolo di canottieri in pre-collina, l’Esperia la sera si trasforma in un sofisticato locale per aperitivi e cene, con pareti di vetro e una suggestiva (e, diciamolo, romantica) vista sul Po e sulle luci della città. D’estate l’aperitivo è nel déhor, ed offe una ricca scelta di cibi ricercati e raffinati. Se siete fortunati, potrete anche capitarci la sera di un party, con luci stroboscopiche rosa che si riflettono sul Po.

Floris

La Floris House è uno dei posti più camaleontici di Torino. Bar, ma anche negozio, profumeria e giardino, è il posto ideale per un aperitivo sotto le fresche frasche, immersi in un’atmosfera a metà strada tra un bazar e una foresta amazzonica. Piante, piante ovunque, e profumi, e sapori, e te freddi fatti in casa, e stuzzichini saporiti e raffinati. Tra rococò e nuovo barocco, entrare da Floris è come fare un tuffo nel passato ottocentesco della Londra edoardiana: dalla location ai camerieri, in puro stile sabaudo di una volta.

Casa Manitù

Per quelle sere in cui si ha solo voglia di stare rilassati e appartati, cosa c’è di meglio di un aperitivo in casa? Casa Manitù è il luogo ideale per godersi quella tranquillità del proprio salotto in un vero e proprio appartamento a 2 piani, con divanetti, caminetto, vibe chic e bohémien, e tanto comfort. Anche la scelta della zona è studiata: fuori dalla movida e dal caos del centro e dei quartieri clou, questa casina trova il suo domicilio nel quartiere Crocetta, signorile e residenziale. Proprio come la casa della mamma. Cibo buono e abbondante, come a casa della nonna.