società

Video: Zapatero, Sarkozy, Berlusconi. Quando i politici non parlano europeo

Article published on 06 marzo 2008
magazine published
Article published on 06 marzo 2008
Siamo in Europa. Ci aspettiamo quindi che i nostri politici passino senza problemi da una lingua all'altra. La realtà è ben più grottesca. Guardare per credere!

Zapatero alle prese con inglese e francese

Frasi ben costruite, padronanza assoluta, un accento impeccabile che neppure Brown e Sarkozy possiedono nelle rispettive lingue madri. Il capo del governo spagnolo in versione multilingue. Impagabile!

Sarkozy cerca investimenti stranieri per la “Frencs”

La vita sorride a Nicolas Sarkozy. Il Presidente della Francia, nuova icona della stampa rosa, si sposa con l'ex-regina delle passerelle e cantante Carla Bruni. Non si può certo lamentare! E mentre ci invita a investire in un paese chiamato “Frencs” cerca di nascondere il sorriso. Che si sia reso conto che non esiste?

Aznar in cattedra

Incredibile lezione magistrale dell’ex presidente spagnolo Aznar. Speriamo che i partecipanti abbiano la possibilità di accedere ad una traduzione simultanea Aznar-Inglese, Inglese-Aznar.

Quando la lingua è musica

I nostri amici polacchi ci offrono dei video sulle capacità dialettiche dei nostri politici. Ecco il presidente del Partito Socialdemocratico polacco, Wojciech Olejniczakn, che ci dà un caloroso benvenuto. Godetevelo!

Silvio è la nostra bandiera

Il mese scorso questa sezione si chiudeva con una parodia dell'ex-primo ministro italiano. Oggi vi diamo un assaggio del personalissimo "itanglish" di Berlusconi, quello vero stavolta. E per non lasciare spazio a dubbi, George Bush ci conferma che Silvio parla un inglese perfetto. Mamma mia!

Il programma è semplice

E ora il giapponese. Stando così le cose, viene voglia di votare per questo simpatico personaggio che si è presentato, senza successo, alle elezioni di Governatore di Tokyo. Il programma? Essenziale, siamo tutti stanchi di tomi incomprensibili: «Non ho una sola proposta costruttiva, distruggiamo questo paese!». Guardatelo!