società

Repubblica Ceca: fumo al pub, ma non alla fermata del bus

Articolo pubblicato il 07 febbraio 2008
Articolo pubblicato il 07 febbraio 2008
Reportage in uno degli ultimi bastioni della sigaretta libera. Dove i fumatori (e i ristoratori), però, tremano.

Chi è immune dal fascino del pub praghese, semibuio, con la celebre birra cèca sul tavolo ancora prima che il cliente si sieda? Spesso, in questi locali, la nebbia si potrebbe tagliare con il coltello. Per la maggior parte dei cechi, e non solo, birra e sigaretta sono una buona accoppiata, piaccia o no ai sostenitori del divieto di fumare.

I pub boemi sono ancora un'isola felice per i fumatori, ma la festa rischia di finire.

E i tedeschi varcano la frontiera per fumare

Se la Commissione per la Salute, il movimento che chiede la messa al bando delle sigarette, dovesse vincere la sua battaglia, le conseguenze non sarebbero solo a carico dei fumatori. Il numero degli avventori dei pub cechi, infatti, è aumentato in conseguenza al divieto di fumo nei locali della vicina Baviera, scattato, come in Francia, il 1° gennaio 2008.

Se il divieto di fumo dovesse essere messo in atto è probabile che gli esercenti cechi si rivolgano direttamente alla Corte Costituzionale: la nuova legge vedrebbe, infatti, diminuire fortemente il loro fatturato, aumentato con l'afflusso dai confini.

Il Partito Democratico Civico (Ods, di centro destra), alla testa del governo, considera il divieto di fumo una intromissione nelle libertà personali dei cittadini.

Al momento ogni ristoratore può gestire come vuole la sigaretta: se sul tavolo trovate un posacenere è possibile fumare, in caso contrario significa che siete in un'area non fumatori.

Eppure i fumatori cechi hanno dato prova di buona volontà. Senza lamentarsi accettano di tenere spenta la loro sigaretta durante la pausa pranzo. È infatti vietato fumare sul posto di lavoro. A questo scopo sono stati montati dei posacenere fuori dagli uffici, dove si riuniscono i più temerari per la “pausa nicotina”.

Più difficile far accettare il divieto di accompagnare la birra con una sigaretta dopo il lavoro. Nonostante ciò la maggioranza dei fumatori probabilmente accoglierebbe bene il divieto di fumo nei ristoranti.

Divieto di fumo alla fermata del tram? Solo sulla carta

Quanto poco sia rispettata l'attuale legge sul divieto di fumare nei luoghi pubblici lo si può verificare alle fermate del bus o del tram. Alla vista di una pattuglia di polizia, che ha il potere di incassare multe in denaro, i mozziconi vengono repentinamente buttati. Ma appena questa sparisce, ecco che un’altra sigaretta viene accesa. Fumatori particolarmente scaltri fumano proprio sulla linea che delimita le fermate dei mezzi pubblici. Su questo problema è stato aperto un divertente dibattito sin dall’introduzione del divieto di fumo.

I commentatori politici sono comunque sicuri che il divieto di fumo arriverà a breve nei pub, ma mettono in guardia sulle esagerazioni. Se il Parlamento dovesse decidere un divieto di fumo totale, questo potrebbe essere mal accolto. Potrebbe, cioè, far sprofondare la soglia di tolleranza nei confronti, ad esempio, del famoso divieto alle fermate dei mezzi pubblici. Per questo motivo il consiglio è di ascoltare anche i desideri della gente. Perché, per quanto i cechi sono tolleranti, nessuno ama sentirsi imporre le cose dall'alto.

Clicca sulle icone per conoscere la politica degli altri stati europei sul tabacco

Foto in home page: Nitot/flickr