società

Nomi di dominio: Internet mette l'accento alle lingue europee

Articolo pubblicato il 10 dicembre 2009
Articolo pubblicato il 10 dicembre 2009
Digitare nel vostro browser Европа.eu (europa.eu in bulgaro)? Ora si può. I caratteri speciali o non latini potranno essere utilizzati per tutti gli indirizzi con dominio ".eu". Le peculiarità nazionali non tarderanno ad esprimersi sul Web.

Dal 10 dicembre è possibile registrare i nomi di dominio con estensione ".eu" utilizzando caratteri speciali e non latini. La decisione dell'Eurid (European Registry of Internet Domain names), l'autorità che gestisce i domini ".eu" per conto della Commissione Europea, si aggiunge a quella voluta dall'Icann (Internet Corporation for Assigned Names and Numbers), che poco tempo fa aveva autorizzato l’utilizzo dei caratteri non latini nei nomi di dominio. Oggi, i bulgari possono registrare i nomi di dominio in alfabeto cirillico. Per Mina Stareva, membro della redazione locale di Cafebabel.com a Sofia, «tutti i siti web europei dovrebbero essere accessibili in cirillico. Digitando Европа.eu, ad esempio, si dovrebbe poter accedere al sito ufficiale dell'Unione Europea».

Quanto ai francesi, potranno correre a registrare il dominio académiefrançaise.eu o, ancora meglio, identitéfrançaise.eu, per far sfavillare il loro spirito grandeur.fr... ops, scusate, grandeur.eu (anche se questo potevano registrarlo già prima). Eric Besson, il discusso Ministro per l'identità nazionale, sarà contento...

Gli spagnoli potranno registrare españa.eu e far finalmente trionfare a livello europeo la "eñe", la loro consonante simbolo già presente sul logo dell'Istituto Cervantes. Occhio però ai doppioni: sul sito dell'Eurid, si scopre che il governo ha già prenotato il nome... e a breve lo stesso varrà per Elysée.eu.

La scelta dei nomi di dominio è diventata vastissima: quali sono le vostre proposte a caratteri accentati e non latini? Comunicatecele nei commenti!