società

Mappa della settimana: città europee e inquinamento

Articolo pubblicato il 09 aprile 2015
Articolo pubblicato il 09 aprile 2015

Quali sono le città europee che lottano contro l'inquinamento e quali quelle che non lo fanno? A questa domanda ha cercato di rispondere la graduatoria 'Soot Free Cities' (città libere dalla fuliggine), preparata da varie organizzazioni ambientaliste. Alcune città, come Madrid e Lussemburgo, sono risultate essere le peggiori, soprattutto se confrontate con Zurigo e Copenhagen, in cima alla lista.

Questo studio ha preso in considerazione 23 città, valutate secondo 9 categorie tra cui le misure economiche e le tecniche attuate, la qualità dei trasporti pubblici, la riduzione delle emissioni nonché la trasparenza delle comunicazioni. 

Lussemburgo ha ottenuto uno dei risultati peggiori. Il sistema di trasporto pubblico, l'alta densità di veicoli che vi transitano ogni giorno e il fatto che la città abbia più lavoratori che abitanti, spiegano la sua posizione in questa classifica. Seguono, in ordine, Lisbona, Roma, Madrid e Glasgow. Nel caso della capitale spagnola, una relazione di Ecologistas en Acción (ecologisti in azione) ha evidenziato il «basso impegno delle autorità» nella lotta all'inquinamento. Un fatto che costituisce «un serio problema per la cittadinanza», così come una «violazione della legislazione europea».

All'altra estremità troviamo Zurigo, dove da oltre 20 anni si implementano le politiche per ridurre l'emissione di sostanze inquinanti, incentivando l'utilizzo dei trasporti pubblici e una comunicazione trasparente. Segue Copenhagen, che è stata valutata positivamente per la promozione dell'uso delle biciclette e l'installazione di una zona vietata ai veicoli altamente inquinanti.

La classifica è stata sviluppata da BUND/Amici della Terra in Germania, con il supporto dell'European Environmental Bureau (EEB) e di altre organizzazioni come Ecologistas en acción.