società

L'Italia in crisi? Eppur si muove

Articolo pubblicato il 31 marzo 2008
Selezionato dalla redazione
Articolo pubblicato il 31 marzo 2008
Salari bassissimi, inflazione che sale, aumento della povertà. Ma l'Italia è solo questo? Roberto Cavalli, Lapo Elkann e Emma Marcegaglia: ecco alcuni esempi di successi italiani. Dentro e fuori il Bel Paese.

Tanti, in Europa e nel mondo, sembrano quasi allietarsi dell'instabilità politica ed economica italiana. È soprattutto il caso di Paesi che negli ultimi anni hanno conosciuto un forte sviluppo – Spagna, Grecia, Repubblica Ceca o Irlanda, per citarne alcuni – e che guardavano all'Italia come un obiettivo da raggiungere. Recenti episodi, quali l'ennesimo allarme rifiuti a Napoli, le aggressioni tra deputati in Parlamento e, ovviamente, la caduta del Governo, non danno certo l'idea di un Paese in forma. Ma ci sono segni, e soprattutto personalità, che offrono un'altra immagine, e forse un'altra via, al Paese.

Luisa Corrado: alla ricerca della felicità

L’ 11 marzo, l’Ue ha reso noti i cinque vincitori del premio Marie Curie, una sorta di Nobel annuale per la scienza in Europa. Tra i premiati due italiani. Una di loro è Luisa Corrado, professoressa dell’Università romana Tor Vergata e ricercatrice a Cambridge. Ha ottenuto il premio per uno studio sulla relazione tra ricchezza e soddisfazione personale, dove dimostra che l’elemento centrale della felicità non sono i soldi, bensì «la fiducia nelle istituzioni, nelle leggi e nei valori del proprio Paese». Purtroppo nel suo lavoro l’Italia resta il fanalino di coda. Andrea Ferrari, l’altro italiano vincitore, ha ottenuto il premio per un lavoro sulle pellicole ultrasottili di carbonio da impiegare nel campo dell’elettronica di consumo.

Emma Marcegaglia: le donne al potere

In Italia qualcosa si muove. Forse in direzione di un vero cambiamento? Il 13 marzo scorso Confindustria ha eletto con il 95% dei voti una donna come nuovo Presidente. Emma Marcegaglia, 42 anni, già amministratore delegato della Marcegaglia Spa, succede a Luca Cordero di Montezemolo. È la prima volta che succede in quasi un secolo di storia di Confindustria.

Roberto Cavalli: la moda tra arte e pop

Versace, Armani, Ferragano. Tutti marchi riconoscibili, ma forse un po’ invecchiati di fronte al nuovo principe della moda italiana. Il fiorentino Roberto Cavalli, 67 anni, gestisce un impero nel mercato delle tendenze planetarie, grazie al suo mix tra arte e cultura pop. Attualmente è il responsabile dello stile delle riunite Spice Girls nel loro tour mondiale, come lo è stato, nel 2007, per Cristina Aguilera o Shakira. Bono degli U2, Jennifer Lopez, Sting o Cher sono solo alcuni tra coloro che si vantano di indossare abiti Cavalli. Quest’ultimo, lungi dal fermarsi alla moda, possiede anche marchi di vodka e profumi.

Lapo & John Elkann: i nipoti d'America

Nel 2005, dopo cinque anni di bilanci in rosso e scandali legati a droga e prostituzione, nessuno avrebbe scommesso una lira sulla Fiat. Già si parlava della fine di un'epoca della vendita del gruppo italiano. Invece la casa automobilistica italiana è rinata dalle sue ceneri e torna a volare: nel 2007 ha duplicato i profitti e recuperato quote di mercato, in Italia (31%) e in Europa (8%). Se questo è dovuto al successo di nuovi modelli – in particolare la versione moderna della Fiat 500 – non bisogna dimenticare che i vertici si sono rimessi al lavoro. Il giovane John Elkann, trentadue anni e nipote del patriarca Gianni Agnelli, è il nuovo uomo forte della famiglia. Sta lavorando per saldare i debiti e riportare l'azienda al vecchio splendore. Il fratello Lapo, minore di solo un anno, dopo essersi ripreso dagli scandali di sesso e droga, è responsabile della promozione del marchio. A lui si devono i prodotti di lusso della linea Italia Independent. Screditato dal suo stesso ambiente, il suo ego lo ha portato, nel 2007, a dichiarare: «Dimostrerò al mondo che sono in grado di costruire un impero». Non sarebbe il primo italiano a riuscire nell’impresa. Un modello per tutto il Bel Paese?

Le elezioni del 13 e 14 aprile hanno segnato, un'altra volta il trionfo di Silvio Berlusconi. Seguite la discussione sui nostri forum:

Silvio ancora al potere. Perché?

L’Italia è di destra?

Foto: Luisa Corrado (foto, Università di Cambridge); Emma Marcegaglia (foto, Confindustria); Roberto Cavalli (foto, iruniran/Flickr); La nuova Fiat 500 (foto, TheMullet/Flickr)