società

Jun, il villaggio della teledemocrazia europea

Articolo pubblicato il 16 ottobre 2008
Articolo pubblicato il 16 ottobre 2008
Questo paesino del sud della Spagna approfitta delle opportunità offerte dalle nuove tecnologie in un esperimento pionieristico in Europa: Internet per tutti e per tutto.

Dieci anni fa la località di Jun, vicino a Granada, si è trasformata in un laboratorio informatico per tutta l'Europa. Con lo slogan “diritto a Internet per tutti”, il comune di questo paesino di 3500 abitanti è un esempio di ottimizzazione delle risorse e di efficienza amministrativa: le file chilometriche per compilare documenti ufficiali sono finite.

Dalla piana di Granada a New York

La riunione del consiglio comunale via Internet nel giugno del 2001, il voto elettronico, la possibilità di contattare la polizia locale via sms o convocare uno sciopero generale virtuale sono solo alcuni dei casi in cui la digitalizzazione dell'informazione a Jun ha introdotto trasparenza ed efficienza in atti che prima richiedevano ore e portavano i cittadini alla disperazione. Ma sono state quattro colonne sul New York Times a segnalare questa iniziativa innovativa, per la Spagna e l'Europa, a risvegliare l'interesse internazionale.

L'alto tasso di partecipazione al voto nelle elezioni nazionali spagnole di marzo 2004 ha dato il tocco finale a un progetto che, fino ad allora, era stato bollato dall'opposizione come «propaganda politica».

(D.R)

In quell'occasione, gli abitanti di Jun poterono votare tramite il cellulare o tramite una firma elettronica approvata dal comune e completamente protetta. José Antonio Rodríguez, sindaco del municipio granadino, lo definisce un esempio di «teledemocrazia attiva», un modo di promuovere l’interazione dal basso tra il cittadino e l’amministrazione con meno passaggi e in maniera più veloce. «Siamo obbligati a risolvere tutte le richieste ricevute tramite posta elettronica entro 24 ore», aggiunge il sindacodi Jun, il cui blog è il più visitato di tutta la Spagna.

Applicare l'informatica alla vita quotidiana

A Jun non ci sono più “inforicchi” e “infopoveri”: tutti gli angoli della località sono raggiunti dal wi-fi e, in aggiunta, c'è un centro in cui si possono usare computer pubblici. La vecchia procedura del richiedere ricette mediche in farmacia è passata alla storia: ora tutto è digitalizzato e le richieste per i medicinali abituali di tutti i pazienti si rinnovano automaticamente. L'afflusso degli abitanti negli studi medici si è ridotto del 40% da quando non si devono più richiedere nuove ricette, lasciando spazio e tempo per i pazienti che hanno delle urgenze. L'uso del sistema della ricetta elettronica è ora richiesto in tutta Europa: il successo di Jun si trasmette e trionfa. Anche il voto elettronico e via cellulare viene imitato in altre parti d'Europa. I cantoni svizzeri lo utilizzano già, e nelle ultime elezioni francesi lo si è utilizzato in cinque distretti parigini, su richiesta di Sarkozy, ad imitazione del ciberspazio di Jun.

Uno dei maggiori timori rispetto a questa informatizzazione fer(D.R)oce era che le relazioni interpersonali si sarebbero deteriorate. Invece, sia gli abitanti di Jun, sia il sindaco, concordano nel dire che «se le cose sono cambiate, è stato in meglio». Gli abitanti di Jun non si incontrano più in fila al municipio, e sempre meno in fila dal medico. I loro incontri, ora, sono di altro genere: nel tempo libero o al lavoro, ma non in «perdite di tempo burocratiche». «Alla Moncloa (l'ingresso del paese, dove gli anziani si siedono per passare il tempo), si continua a spettegolare come sempre», spiega José Antonio Rodríguez per dimostrare che la società di Jun non è affatto cambiata. Per quanto riguarda i costi, l’ottimizzazione delle risorse è tale che Jun ha persino registrato un avanzo di cassa. L'applicazione delle tecnologie, l’imminente progetto di “M-amministrazione” (amministrazione via cellulare) e l'installazione delle reti informatiche – tra gli altri obiettivi futuri – sono finanziati da marchi come Telefonica o Iberdrola (compagnie telefonica e energetica spagnole, ndr), che premiano Jun per la sua capacità di innovazione nel settore delle tecnologie.