società

Giornata internazionale delle donne: le schiave del sesso in 126 ritratti d'autore

Articolo pubblicato il 08 marzo 2012
Articolo pubblicato il 08 marzo 2012
La tratta di esseri umani è un’attività in costante crescita ed estremamente proficua. Circa 120.000 tra donne e bambini vengono trasportati illegalmente in Europa occidentale. Secondo il Rapporto dell'Unodc (la sezione dell'Onu per i trafficanti di droga ed esseri umani), la più diffusa tra le forme di sfruttamento è quella sessuale.

Nell’Asia meridionale, dove vivo al momento, sono venuto a conoscenza di un progetto chiamato “Another me” che immortala i volti di 126 ragazze scampate ai loro aguzzini. Gli ideatori del progetto, il fotografo Achinto Bhadra e la sua consulente Harleen Walia, entrambi indiani, hanno messo a nudo il loro alter ego durante un servizio fotografico al fine di condividere le loro storie e i loro sentimenti. Dalla dea dei serpenti, allo spirito vendicativo ad un germoglio; hanno creato i loro costumi e hanno posato in silenzio. Non stiamo parlando di semplici storie di prostituzione: questi 126 ritratti ci trascinano dietro le quinte delle più oscure e perverse dinamiche sociali.

La ragazza è stata venduta dallo zio ai trafficanti di esseri umani. "Aspetto ancora che i miei genitori vengano a prendermi, per tornare finalmente a casa"

Il traffico di esseri umani è presente anche in Europa

Secondo gli autori di The Links between Prostitution and Sex Trafficking, pubblicato nel corso di un progetto coordinato dall’americana Coalition Against Trafficking in Women e dall’European women’s lobby, il traffico di donne è un'attività in continua crescita e altamente remunerativa. Esse sono alla stregua di moderne schiave, vendute come merci nel mercato del sesso dell’Europa occidentale. Paradossalmente nel 30% dei paesi che forniscono informazioni sul sesso dei trafficanti, le donne costituiscono la percentuale più elevata. Organizzazioni del tipo Women leaders’ council delle Nazioni Unite, Terres des hommes foundation, l'Ocse, il gruppo di esperti del Consiglio d'Europa contribuiscono ad accrescere la consapevolezza dell'opinione pubblica su questo tema.

Georgia, se abusare di una donna è un diritto su cafebabel.com

In occasione dell'8 marzo, migliaia di eventi vengono organizzati in tutto il mondo per festeggiare le donne e le loro conquiste in termini di uguaglianza e giustizia, e per porre l’accento sui problemi che le riguardano da vicino. A Bruxelles, l’ European Women’s lobby da il via alle 10 giornate per i diritti delle donne in Europa (dal 29 febbraio al 9 marzo). Il Parlamento Europeo ha recentemente discusso sul tema “stesso stipendio per uno stesso valore”, modificando le attuali misure e riducendo le differenze di retribuzione sulla base del sesso. Il 7 marzo, il film inglese Made in Degenham (2010) sarà trasmesso seguito da un dibattito.

A Parigi ci sarà un concerto, organizzato dall’Unesco e dall’organizzazione internazionale della francofonia, al quale parteciperanno la cantante marocchina Oum El Ghait e il cantante africano Bafing Kul. Oum suonerà musica soul contaminata da elementi tipici della sua cultura, come la poesia Hassany ( tipica del deserto marocchino) e da ritmi africani. Kul denuncia invece lo sfruttamento domestico e l’escissione - la mutilazione degli organi genitali praticata sull’80% delle donne malinesi e su altre migliaia di donne in tutto il mondo.

Londra celebrerà il successo delle donne con una colazione a base di champagne il 9 marzo (Great Hall, Guildhall). Nel 2011, la colazione ha portato ben 28.000 sterline destinate all’organizzazione Refugee, che supporta oltre 1.000 tra donne e bambini fuggiti dalle violenze domestiche. Uomini e donne s’incontreranno a sud del Millennium Bridge dopo una marcia sulle rive del Tamigi e ad ovest verso il Royal festival Hall. L’evento è organizzato da Women for Women International sulla base del progetto “Join me on the bridge”. Sebbene il progetto “Another me” aiuti centinaia di ragazze ad acquisire sicurezza e stima in sé stesse, da un'altra parte, nel mondo, ce ne sono tante altre che aspettano di essere salvate.

Tutte le foto: © cortesia di Achinto /anotherme.org Video: bafingkul/youtube.