società

Dov'è finito lo «stallone italiano»?

Articolo pubblicato il 30 agosto 2010
Articolo pubblicato il 30 agosto 2010
Secondo una recente indagine apparsa sul quotidiano The Australian, il mito dello stallone italiano sarebbe alle battute finali, vista «la tendenza degli italiani a diventare sempre più effeminati». Ma allo stesso tempo, nelle sale cinematografiche, esce un film che è un vero tributo al nostro eroe d'azione preferito, Sylvester Stallone.
Dopo tutto, gli stereotipi sessuali europei continuano ancora a prevalere sul grande schermo

Sylvester Stallone è, per forza di cose, il simbolo del cosiddetto "stallone italiano" sul grande schermo. Un soprannome che lui stesso si era cucito addosso quando ha interpretato il protagonista della famosa serie "Rocky". Se l'attore americano, il cui padre aveva origini italiane, non avesse girato la saga del celebre pugile, comunque non sarebbe riuscito a sfuggire a quel soprannome. Fu proprio con una pellicola erotica omonima, infatti, che Stallone iniziò la sua carriera nel 1970, mentre nello stesso anno, Arnold Schwarzenneger, suo collega in "The Expendables" (I Mercenari), il film che in questi giorni è nelle sale cinematografiche, interpretava il ruolo del dio greco Ercole. Il cognome di Rocky, cioè "Balboa", era invece di origine spagnola. In spagnolo, il corrispettivo di "stallone italiano" non esiste. È l'espressione latìn lover (con l'accento spagnolo) a esprimere questo concetto. In altre lingue europee, invece, il termine è perfettamente traducibile, come ad esempio in Polonia ("wloski ogier"). Nella madrepatria dell'espressione, l'Italia, è al famoso porno divo Rocco Siffredi che si potrebbe attribuire il titolo di autentico "stallone italiano". Anche lui, tra l'altro, ha recitato in un film omonimo. 

Un altro genere di seduttore

Un blogger inglese discute dello stereotipo tedesco sul blog di cafebabel.com a Berlino

Un modello di latin lover, quello dello "stallone italiano", che si oppone ad un altro stereotipo del seduttore. Quello che si ispira a GiacomoCasanova, un autore veneziano del 18esimo secolo, famoso per le sue innumerevoli avventure sentimentali. È sulla stessa linea d'onda il celebre SergeGainsbourg, cantautore francese, che, nel Regno Unito, sta canalizzando l'attenzione del pubblico cinematografico grazie al film sulla sua vita, attualmente nelle sale. Una critica apparsa sul Daily Telegraph lo descrive come un «astuto incantatore» e un «dissoluto Casanova». Appunto. Per tornare ai muscoli d'acciaio, è d'obbligo fare una sosta in Belgio. È questa la patria di Jean-CLaude Van Damme. Se non avesse rifiutato, anche lui avrebbe dovuto  far parte del cast del film "The Expendables". La parte è andata quindi ad un altro celebre "stallone", Dolph Lundgren, l'indimenticabile Ivan Drago del film Rocky IV.

Illustrazione: Henning Studte/studte-cartoon.de/