società

Donne sull’orlo di una crisi di parità politica

Articolo pubblicato il 05 dicembre 2008
Articolo pubblicato il 05 dicembre 2008
L’unico paese che ha più donne che uomini in Parlamento è l’Olanda. Estonia e Svezia la seguono con parità di eurodeputati e eurodeputate. Aspettando un Presidente della Commissione europea donna…

Le donne continuano a non essere sufficientemente rappresentate in politica, anche se in ambito europeo le cose vanno meglio che in quelli nazionali. Mentre nel mondo solo il 18,4% dei rappresentanti politici sono donne, su scala nazionale, nei parlamenti in Europa arriviamo al 21,2%. Se si guarda, invece, il Parlamento europeo si cresce al 31%.

L’eurodeputata Karin Riis-Jrgensen ha lanciato un’iniziativa per forzare la parità nelle cariche più alte della politica comunitaria: send2women. Il suo scopo? Alla Ratifica del Trattato di Lisbona – da parte di tutti gli Stati membri – i principali incarichi politici siano occupati al 50% da donne. Questo significa che le cariche di Presidente del Parlamento, Presidente della Commissione europea, Presidente del Consiglio d’Europa e Rappresentante della Politica estera debbano essere equamente distribuite tra uomini e donne.

I Verdi sono i più rosa

Per quanto riguarda i gruppi politici i campioni della parità sono i Verdi, con un 45,2% di eurodeputati donne. Segue l’Alleanza dei Liberali (ALDE) con il 41,2%, il Partito Socialista europeo con il 39,5% e la Sinistra Unitaria Europea con il 31,7%. Il maggior partito europeo, il Popolare, arriva solo al 24,6% di presenza femminile, mentre in basso alla classifica troviamo il gruppo dell’Unione dell’Europa per le Nazioni (UEN) con l’11,4% e gli ultra conservatori di Indipendenza e Democrazia (8,3%). Nell’Ue solo Austria, Estonia, Ungheria, Olanda e Regno Unito hanno avuto una donna Presidente del Parlamento, mentre solo Finlandia, Irlanda e Germania hanno un Primo Ministro donna. Il Parlamento con più donne? La Svezia, con il 47%.