società

Clip erotico firmato Ue

Articolo pubblicato il 18 luglio 2007
Articolo pubblicato il 18 luglio 2007
Ha fatto discutere un sexy spot prodotto dall'Unione per pubblicizzare Media 2007, il programma di sostegno al settore audiovisivo europeo.

I funzionari europei avrebbero dunque il chiodo fisso! Come ha segnalato il Corriere della Sera, uno Scirocco ormonale soffia sull’ufficio comunicazione del programma Media dell’Unione Europea. Il progetto, incluso ufficiosamente nel capitolo delle iniziative (cul)turali comunitarie, dovrebbe rivitalizzare un cinema dall’elettrocardiogramma quasi piatto: promozione di lungometraggi, distribuzione di film, aiuti per la realizzazione, seminari...Senza troppo clamore Media finanzia circa la metà delle produzioni proiettate nelle sale di tutto il Continente.

E visto che il sesso parla più delle statistiche, i malandrini incaricati di far conoscere al pubblico Media 2007 non hanno lesinato l’orgasmo su pellicola: un mix di sequenza erotiche ed ecco fatta la campagna pubblicitaria. Lo spot - intitolato "Gli amanti del cinema lo ameranno" - ha un tono decisamente disinibito: il video mostra per 40 secondi visi estasiati, corpi scoperti, lenzuola stropicciate e un groviglio sonoro di gemiti deliziati e selvaggi. Le sequenze sono tratte da diversi film, tra cui Il favoloso mondo di Amélie e da Tutto su mia madre. Come slogan finale, un let’s come together ("veniamo insieme"), a dir poco equivoco: gli europei devono riunirsi o godere insieme?!

Il video ha fatto corrucciare le fronti di alcuni parlamentari polacchi, tra cui gli esponenti della supercattolica Lega delle Famiglie polacche che ha gridato alla depravazione dei costumi e ai «metodi immorali» impiegati dall’Ue per promuovere le sue attività. Il commento della svedese Margot Wallstrom – bionda vicepresidente della Commissione che ha dato l’Ok al lancio della campagna - è stato tuttavia esemplare: «È solo una questione di gusto» ha dichiarato tranquilla.

Vedi il video