società

Allarmi terroristici in Europa, 4 ricette per 4 paesi a rischio

Articolo pubblicato il 11 settembre 2006
Articolo pubblicato il 11 settembre 2006
Gli attentati sventati a Londra mettono a dura prova i sistemi di allerta di ogni Paese europeo: ecco come funzionano e quali sono i gradi di allarme applicati in alcuni di essi oggi giorno.

In Europa i sistemi di allarme terroristico variano tutti da Paese a Paese. Infatti, anche se negli ultimi mesi il Ministero degli Interni di Spagna e Inghilterra – i due Paesi maggiormente colpiti dal terrorismo jihaidista - si sono riuniti per stabilire un sistema di allarme valido in tutta l’Unione Europea, ancora non è stato raggiunto alcun risultato. I politici e i mezzi di comunicazione parlano spesso di collaborazione contro un terrorismo il cui presunto obiettivo è quello di scalzare le istituzioni democratiche occidentali. Ma sono i singoli Paesi a decidere come e quando attivare un determinato livello di allerta nel proprio territorio. La situazione attuale dei seguenti Paesi ne è un esempio.

Inghilterra. Come negli Stati Uniti anche l’Inghilterra dispone di cinque livelli di allerta. Dal meno grave al più grave, sono i seguenti: basso per attacchi improbabili, moderato per possibili attacchi poco probabili, considerevole per gli attacchi decisamente possibili, grave per attacchi molto probabili e critico per attacchi imminenti. Attualmente si è scesi dal livello critico a quello grave.

Paesi Bassi. Aumenta la complessità perché dispone di due sistemi. Il primo si utilizza per attivare la protezione speciale di alcuni settori economici come la fornitura di energia, i trasporti pubblici o le amministrazioni pubbliche, il secondo per stabilire il grado di rischio per il Paese di subire un attacco terroristico. Entrambi i sistemi costano di quattro livelli. Per quanto riguarda il secondo sistema, i livelli sono i seguenti: minimo, limitato, considerevole e critico. In questo momento il Paese si è assestato al livello considerevole e spera di scendere presto a quello limitato.

Spagna. Semplifica il suo sistema a soli tre livelli numerati da uno a tre. Da un anno si trova al livello tre, quello più grave e che implica la possibilità di un intervento da parte dell’esercito.

Francia. Il suo sistema – denominato pomposamente Vigipirate - si divide in quattro livelli rappresentati da quattro colori che, dal meno grave al più grave, sono i seguenti: giallo, arancione, rosso e scarlatto. Attualmente è attivo il livello rosso, quello studiato per prevenire gli attentati gravi.