Sevilla

Il turismo si dibatte tra Madrid e Barcellona 

Articolo pubblicato il 02 ottobre 2015
Articolo pubblicato il 02 ottobre 2015

La Spagna sta passando un momento di fortuna e i dati del settore turistico parlano da soli. Da luglio 2015, più di 37,5 milioni di stranieri hanno visitato il nostro paese, cifra di cui beneficiano specialmente Madrid e la Catalogna.

In un contesto di chiaro confronto tra i due poli del possibile passaggio secessionista, analizziamo Madrid e Barcellona come punti di riferimento nel turismo europeo e internazionale.

Madrid

Quando si pensa a Madrid, non può che non venire in mente la bandiera spagnola e la sua storia recente. Così, la Madrid degli Austriaci si può apprezzare nel Palacio Real, la Plaza de Oriente o il Teatro Real. Filippo II ha stabilito la corte di Spagna nel XVI secolo a Madrid, e da allora in poi, il cuore del paese e la sua purezza nobile sono lo standard della città.

Certo è, però, che la festa madrilena, la vida notturna e le sue terrazze sono dei validi motivi per scegliere questa urbe come luogo di vacanze e relax, nonostante la frenetica vita lavorativa dei suoi residenti. Il cielo di Madrid è uno dei più belli di tutta la Spagna, la luce e l'alta percentuale di assenza di nubi per gran parte dell'anno, sono una garanzia per molti forestieri di vitamina D in pieno asfalto. 

Altri luoghi di interesse, sono sicuramente Plaza Mayor, il Mercado di San Miguel, El Parque del Retiro o la Puerta del Sol, recentemente famosa per essere il centro nevralgico del movimento 15M, un'iniziativa cittadina per denunciare la profonda crisi sociale ed economica di cui il paese soffre dal 2008. Inoltre, l'ampia offerta teatrale, musicale e intellettuale, convertono questa città nel centro fondamentale della cultura spagnola. 

Barcellona

È praticamente impossibile pensare alla Ciudad Condal senza evocare Gaudí, massimo esponente del modernismo spagnolo e catalano, le cui opere non possono essere comprese senza Barcellona e viceversa. Il Parque Güell, la Casa Batlló, la Pedrera o l'inconclusa Sagrada Familia sono solo alcune delle sue maggiori manifestazioni d'arte. In più, la sua storia medievale trova massima espressione nel quartiere Gotico, una zona centrale dove tutti gli edifici mantengono gelosamente l'estetica archittettonica della cattedrale di Santa María del Mar.

La posizione geografica di Barcellona, la rende una delle città più europee della Spagna. Porto di referenza del mediterraneo del nord, punto d'inizio di numerose crocere all'anno e distante due ore scarse di machina dalla Francia, Barcellona è la città più visitata della Spagna. Atratto gastronomicamente dalle buonissime tapas e il suo clima costiero, il turista si imbatte, anche, in una città artisticamente d'avanguardia, attraverso la quale vengono introdotte le novità culturali del paese, tradizione storica che i suoi dirigenti difendono.

Tuttavia, nonostante i spettacoli di flamenco e gli abiti da sevillana venduti in alcuni negozi, i movimenti catalani vogliono divincolarsi da questo simbolo "typical Spanish", perchè effettivamente, non definiscono la Catalogna come accade per l'Andalusia o Madrid. È importante segnalare che è l'unica regione dove sono state proibite le corride di tori, altro simbolo iberico.

Esbórso foráneo delle due città 

Secondo lo studio Global Destination Index, l'esbórso turistico delle due città le colloca nelle prime cinque d'Europa.  A Barcellona, questa inversione straniera si arrotonda sui 12.000 milioni di euro, mentre a Madrid si suppone quasi la metà, 6.000. Fino ad ora , la porta di entrata della Spagna per molti forestieri è stata Barcellona. Se quest'ultima, insieme alla Catalogna, diventerà indipendente, che conseguenze ci saranno per il settore turistico?

 Dopo i due giorni di elezioni, considerate plebiscitarie in Catalogna, gli imprenditori, la banca catalana e quella spagnola hanno parlato di perdite catastrofiche per Barcellona. Anche se, in un contesto elettorale di contrazione, qualsiasi argomento potrebbe essere affrontato per il risultato vincente di uno dei due lati del dilemma.