Politica

Ratifica del Trattato di Lisbona, ecco la mappa

Articolo pubblicato il 04 febbraio 2008
Selezionato dalla redazione
Articolo pubblicato il 04 febbraio 2008
Lo scorso 23 aprile anche Danimarca e Portogallo si sono uniti al gruppo di Paesi che ha rattificato il Trattato. Dopo Austria, Slovacchia, Polonia, Ungheria, Malta, Slovenia, Romania, Bulgaria e Francia, tutti i Paesi Ue si avviano su questa strada per il gennaio 2009.

Clicca sul paese per conoscere la data di ratifica del Trattato

L'impegno che i politici europei hanno dimostrato a Lisbona è un segnale della costanza con cui sostengono il cammino di riforme intrapreso dall’Unione Europea. Il Trattato comprende alcune misure già contenute nella defunta Costituzione: l’elezione di un Presidente permanente (eletto per due anni e mezzo rinnovabili), la formazione di un’Alta Rappresentanza dell’Unione per gli Affari Esteri e la Sicurezza, una riduzione del numero dei commissari, una clausola sulla possibilità per un Paese di ritirarsi dall’Unione Europea, e il conferimento a quest’ultima di una piena personalità giuridica. Non si prevede, tuttavia, alcuna modifica nella distribuzione dei seggi parlamentari. La comprensione di questo Trattato risulta difficoltosa per un semplice cittadino, almeno quanto lo è stata, a suo tempo, quella della Costituzione Europea. Stavolta, ad ogni modo, saranno i governi nazionali, e non il voto diretto del popolo, a decidere della ratifica del documento, entro Gennaio 2009. Tranne in Irlanda, dove a stabilirlo sarà un referendum.