Politica

Mamma li turchi. Sugli euro

Articolo pubblicato il 15 febbraio 2008
Selezionato dalla redazione
Articolo pubblicato il 15 febbraio 2008
Aperto un concorso per scegliere la veste comune per la moneta da due euro. L'occasione? I dieci anni della moneta unica nel 2009. Ma i turchi restano alle porte.

Nel 2009 tutti gli stati membri dell’Unione Economica e Monetaria emetteranno una moneta "comune" da due euro per festeggiare il decimo anniversario della creazione della moneta unica. Infatti, anche se i cittadini hanno effettivamente adottato l'Euro nel gennaio 2002, già dal 1999 la nuova moneta era usata per le transazioni finanziarie. Sono quindi dieci anni che l'euro circola in Europa.

Quale sarà allora il disegno del lato "comune"? Sta al pubblico decidere: la Commissione ha aperto un concorso on line dove chiunque può votare il progetto che preferisce tra cinque proposti. C'è tempo fino al 22 febbraio 2008 per recarsi sul sito Euro design contest dove è messa in palio una raccolta di monete da collezione.

La Turchia censurata

Questo è quello che avverrà per il lato "testa". Più dibattuto è il lato "croce": la famosa cartina che troviamo sulle monete che abbiamo in tasca ha infatti già subito un lifiting. Ci sono i nuovi stati dell’Europa Centrale, l’Ucraina e un pezzo di Russia. Manca invece la Turchia. Il dibattito è acceso. Sono due gli europarlamentari ad essersi accorti della censura: Marco Cappato e Marco Pannella. I due radicali hanno notato che sulle nuove monete entrate in circolazione in Slovenia il 1° gennaio 2008 manca la penisola anatolica.

Per saperne di più sulla questione visitate il nostro sito Eurogeneration.

Il dibattito è quindi su quale sia la reale volontà del Consiglio dei Ministri: l'adesione della Turchia è quindi esclusa in partenza?

La risposta, imbarazzata: si tratterebbe solo di una rappresentazione generale del continente europeo che non pregiudicherebbe il risultato dei negoziati di adesione. Ma il dibattito continua. Anche sul nostro forum.