Politica

L'Ucraina e il linguaggio della geopolitica

Articolo pubblicato il 03 marzo 2015
Articolo pubblicato il 03 marzo 2015

I bambini giocano spesso a Risiko. È un modo semplice per avere un'idea su come è diviso il mondo, ma con alcune interessanti semplificazioni. Ironicamente, una di loro consiste nel fatto che nella mappa di Risiko l'Ucraina copre interamente la Russia. Perciò, durante il gioco, in questa zona si parla di un solo stato: "l'Ucraina". Ma perché è così importante?

In un semplice gioco, questo non avrebbe molta importanza. Purtroppo però quando si discutte di affari geopolitici, l'articolo l' che precede il sostantivo Ucraina sfida implicitamente la sovranità di quel paese.

Nei negoziati di pace svoltosi a Minsk il 12 febbraio, sembrava che i capi di stato di Russia, Ucraina, Germania e Francia fossero riusciti nel primo serio tentativo di porre fine alla guerra civile nel Donbass. Possiamo soltanto chiederci se questa tregua durerà. I combattimenti vicini a Delbatseve della settimana scorsa e l'esplosione che ha ucciso due persone tra le quali un funzionario di polizia in Kharkiv domenica scorsa hanno svelato la fragilità dell'accordo di Minsk.

Dall'inizio della rivoluzione di Maidan, nel novembre del 2013, la situazione in Ucraina è diventata  notevolmente  imprevedibile. Quella che era iniziata come una protesta contro il governo corrotto di Yanukovych e a favore di un avvicinamento verso l'Europa, si è conclusa con l'annessione della Crimea alla Russia e con una guerra civile nella parte orientale dell'Ucraina. Ma, a prescidere dall'esito degli ultimi negoziati di pace, una cosa è molto chiara: Putin, che si è approfittato della difficile situazione del suoi vicini, ha dimostrato di non considerare affatto l'Ucraina come una nazione sovrana.

In queste circostanze, anteporre l'articolo all'Ucraina sembra essere un problema insignificante. Tuttavia, scavando più a fondo, scopriremo l'enorme valore simbolico che ha. Rappresenta la più grande sfida che l'Ucraina abbia affrontato sin dalla sua indipendenza nel 1991: il suo riconoscimento come una nazione indipendente.

Cosa si nasconde in un nome?

La maggior parte linguisti concordano sul fatto che il nome "Ucraina" deriva dalla preposizione Russa "u", che significa "a" (intesa come preposizione), e il termine russo "krai", che denota margine o confine. La traduzione sarebbe quindi "zona di confine" oppure "al confine". Un nome precedentemente utilizzato per descrivere l'area del confine meridionale tra la Polonia e la Russia. Prima del 1991, quando faceva ancora parte dell'Unione Sovietica come Repubblica socialista sovietica ucraina, veniva abitualmente chiamata "l'Ucraina". Una cosa successa anche con delle ex colonie, come nel caso de "il Libano".

Ufficialmente, solo due paesi dovrebbero essere indicati con l'articolo: le Bahamas e il Gambia. Tuttavia, ce ne sono alcuni che possono avere un articolo senza dare vita a lotte semantiche per la sovranità: alcuni gruppi di isole, come ad esempio le Filippine, oppure i nomi plurali come gli Stati Uniti o i Paesi Bassi (anche se gli olandesi preferiscono riferirsi al proprio paese con la forma singolare: "l'Olanda"). Un'altro esempio dell'utilizzo dell'articolo? Quando parliamo delle aree interne di un paese, come il nord-est. La stessa logica veniva usata per l'Ucraina quando faceva ancora parte dell'Unione Sovietica. Altri Stati Sovietici, come la Lituania, una volta ottenuto lo status di paesi indipendenti non hanno mai avuto l'articolo.

Dopo la dichiarazione di indipendenza ucraina, la lingua inglese cambiò la dicitura ufficiale in "Ucraina" riconoscendola cosi' come un paese sovrano. Da allora, tuttavia, la comunità internazionale si è spesso riferita "all'Ucraina" (e anche il presidente Obama ha commesso l'errore di utilizzare questa forma fino ad un anno fa).

L'uso dell'articolo determinativo non è del tutto sbagliato, ma dovrebbe essere usato nel contesto storico della "zona di confine non delimitata". Quando si parla della nazione Ucraina, l'uso dell'articolo determinativo mina la sua sovranità. Negli ultimi tempi, sembra che questa sfumatura sia stata compresa: è per questo che la maggior parte dei giornali e dei leader del mondo hanno iniziato ad usare la forma "Ucraina".

Anche se nella lingua russa non esistono gli articoli, ci sono due importanti preposizioni usate per indicare un luogo o una direzione: "na" e "v". Generalmente, la preposizione "na" viene usata per spiegare la posizione in un'area distesa senza un chiaro confine. Mentre "v" si utilizza quando si parla di aree geografiche o politiche che sono ufficialmente delimitate, come paesi o città. In questo modo si potrebbe dire "na Kavkaze" per specificare che sei "nel Caucaso" e "v Rossii" per dire che ti trovi "in Russia". Ecco che, con questa distinzione, diventa più semplice identificare la parte linguistica del conflitto. Dovremmo dire "v Ucraina", riferendoci ad uno stato ufficialmente delimitato, oppure "na Ucraina", per parlare della zona lungo il confine sud-occidentale della Russia com'era una volta?

Il post-indipendenza

Nel 1991, dopo aver ottenuto l'indipendenza, l'Ucraina chiese alla Russia di interrompere l'uso di "na Ucraina"  e di riconoscerla come stato indipendente e sovrano utilizzando la forma "v Ucraina". Nonostante ciò, tutti i mezzi di comunicazione russi - sia quelli di proprietà statale, come il canale Rossia 1, sia i giornali indipendenti come Slon - continuarono ad utilizzare la forma "na Ucraina". Questa forma è in linea con la norma letteraria russa ufficiale, secondo cui l'espressione segue le regole della linguistica e la connotazione storica di "confine".

Per la maggior parte dei russi, non si tratta di una decisione cosciente ma, molto più semplicemente, di un modo normale di dire. «Di solito dicevo 'na Ucraina', ma non per motivi politici - spiega il giovane moscovita Lyosha - Io uso 'na' perché è la norma letteraria: anni e anni di evoluzione linguistica ci ha portato ad utilizzare quella norma».

La scelta dello stile diventa ancora più interessante quando si considerano le zone contese: nonostante vengano usate entrambe le espressioni, dobbiamo parlare di "Crimea" o "della Crimea"?  In russo si direbbe "v Krimu". Per descrivere qualcuno che viene da una penisola o un'isola si usa normalmente la preposizione "na". Tuttavia, la Crimea si separa dalla terraferma attraverso una catena montuosa e quindi viene considerata come un'area chiaramente delimitata.

Anche per riferirsi alla regione del Donbass, che consiste nelle oblast (ovvero aree) ribelli di Donetsk e Lugansk, si usano entrambe le forme. Nei giornali inglesi si leggono entrambi "Donbass" e "il Donbass". In Russo, la norma ufficiale richiede l'uso della preposizione "v" perché il nome è un acronimo di "Donetskiy bassein" (il Bacino del Donec) e si dice "v basseine". Ma ci sono ancora dei giornali Russi e Ucraini che usano la preposizione "na".

«Quando si parla di un paese, ad esempio l'Ucraina, si usa la preposizione 'v'»,  spiega il direttore di uno dei più importanti quotidiani Ucraini, il Korrespondent. «Tuttavia, quando si parla di regioni all'interno di un paese, come Kuban o Donbass, che non sono veri e propri paesi, si usa la preposizione "na"».

Per molti ucraini, usare la forma "na Ucraina" significa non considerare il loro paese come una nazione indipendente. Sarebbe come parlare del Sudan, perché "il Sudan" originariamente veniva collegata al deserto, o dire "il Congo", come se fosse ancora soltanto la terra che circonda il fiume Congo.

Ovviamente, il presidente Putin utilizza lo stile ufficiale russo che, inevitabilmente, ha una connotazione politica. «La Russia utilizza deliberatamente la preposizione 'na' perché ritiene tuttora l'Ucraina una regione, e non un paese», continua il direttore del Korrespondent. Infatti, in diverse conferenze stampa, Putin ha ripetuto più volte di non riconoscere l'Ucraina come una nazione sovrana.

Secondo Putin, tutto questo è la conseguenza degli errori compiuti dai bolscevichi durante la guerra civile (1917-1922) che portò alla creazione della Repubblica Sovietica. E lui è disposto a fare tutto il necessario per far fronte a questo "illecito". Con l'annessione della Crimea, e la rivolta a est, la Russia sta ottenendo grandi risultati nel suo piano di ridurre l'Ucraina ad un semplice confine, come lo era una volta.

Le poliche di Putin, dopo la Rivoluzione di Maidan, hanno ispirato delle nuove battute che lo riguardano. Ad esempio: «Vladimir Vladimirovitch, ci sarà di nuovo la 'Cortina di Ferro'?», «No! Questa volta un normale filo spinato».

Vista l'impotenza dell'Europa nel fermare l'annessione della Crimea alla Russia - e l'attuale sostegno militare nella regione del Donbass - possiamo affermare che la sovranità dell'Ucraina è veramenten a rischio. E che la lingua inglese ha finalmente eliminato l'uso dell'articolo determinativo.

Ciononostante, per Putin esiste soltanto "l'Ucraina".