Politica

L’europarlamentare più giovane? Bulgaro e di estrema destra

Articolo pubblicato il 23 febbraio 2007
Articolo pubblicato il 23 febbraio 2007
Il fronte ultranazionalista al Parlamento europeo si rinforza con l’ingresso di bulgari e rumeni

Sofia (n-ost) – Anche Dimitar Stojanov del movimento bulgaro “Ataka” ha scelto il gruppo “Identità, tradizione e sovranità”. Con l’ingresso del ventitreenne Stojanov, l’estrema destra al Parlamento europeo accoglie tra le sue fila il più giovane tra i 785 europarlamentari.

Il nuovo arrivato porta i capelli a spazzola e ha studiato giurisprudenza a Sofia.. Il debutto di Stojanov risale al settembre 2006 quando, come osservatore al PE, spedì agli europarlamentari una email contenente frasi offensive verso Livia Jaroka, deputata ungherese di origine Rom. Inoltre, ha lanciato anche sentenze antisemite. «Ci sono troppi ebrei ricchi e potenti che finanziano i media per influenzare l’opinione della gente», ha dichiarato recentemente in una conversazione col giornale britannico “Telegraph”.

Stojanov non è uno sconosciuto in Bulgaria. Volen Siderov, suo patrigno, è alla guida di “Ataka”, che, grazie ad una campagna aggressiva e nazionalista, ha spinto al primo tentativo il suo leader nel parlamento bulgaro. Gli ultranazionalisti perseguono una politica economica protezionista e una legislazione restrittiva verso le minoranze e l’opposizione. Ataka ha più volte tuonato apertamente contro la minoranza Rom: “bande di zingari” sarebbero state avvistate nei quartieri per derubare e “maltrattare” i bulgari.

A Bruxelles i bulgari di Ataka difenderanno gli interessi nazionali e si opporranno all’ingresso della Turchia. Ma Stojanov potrebbe presto trovare nuovi compagni: nel marzo 2007 i bulgari voteranno per la prima volta per eleggere i loro rappresentanti al PE. Gli esperti ritengono probabile un rafforzamento degli ultranazionalisti se l’affluenza sarà alta. Proprio Stojanov li guiderà in campagna elettorale. Il numero due , secondo fonti giornalistiche, sarà invece Denica Gadsheva. Il caso vuole che i due siano amici.