Politica

L'Europa sta riprendendo respiro?

Articolo pubblicato il 26 giugno 2017
Articolo pubblicato il 26 giugno 2017

"Una soluzione, non un problema": è così che l'UE si percepisce nuovamente secondo il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk. I partecipanti al summit estivo dell'UE a Bruxelles hanno fatto un esempio di unità e hanno deciso di stringere la cooperazione sul terrorismo e la difesa. Mentre alcuni media si rallegrano, altri rimangono scettici.

La Stampa, Italia: Bruxelles approfitta del successo di Macron

Il fatto che il Presidente Macron sia ora membro del club è chiaramente buono per l'Unione europea, La Stampa scrive con gioia: "Rapida, concreta e compatta. La riunione di ieri del Consiglio europeo ha dimostrato qualità che l'Unione europea ha da tempo ignorato. Senza dubbio questo è grazie all'effetto Macron, perché il nuovo presidente francese che ha debuttato in questa riunione di capi di stato e di governo è stata la star dello spettacolo. E questo vertice estivo ha effettivamente portato risultati concreti nei settori della difesa e della lotta al terrorismo. Cosa c'è di più, senza le consuete differenze di opinione che spesso esauriscono e ostacolano le discussioni. E senza i soliti ritardi. Il giro di ieri si è perfino concluso un'ora prima che fosse previsto. "(23/06/2017)

La venuta del salvatore? - De Volkskrant, Paesi Bassi

Se tutta la lode per Macron sia giustificata resta da vedere, de Volkskrant commenta: "Il presidente francese sembra rilassato ma pronto mentre si avvicina il tappeto rosso. Un uomo che sa cosa vuole - in Francia e in Europa. È chiaro: è arrivato il salvatore. ... Se Macron avrà successo in Europa dipenderà da quello che fa in Francia. La Germania vuole che rompichi le strutture rigide, riforma il mercato del lavoro e riduce il debito pubblico. Se non riesce, l'abbraccio di Angela potrebbe trasformarsi in un strangolamento e l'umore in Europa potrebbe rapidamente girarsi contro di lui ". (23/06/2017)

Europa meno paura di prima - Tvnet, Lettonia

Un anno dopo la Brexit l'UE si è calmata, il sito web russo Tvnet commenta: "L'UE non ha mai sperimentato un panico come quello che è scoppiato un anno fa. Cominciò con il referendum di Brexit, cresciuto da mese a mese e raggiunse il suo climax con la vittoria di Donald Trump. Ma adesso, dopo una pausa di mesi e mezzo, è scomparsa. Abbiamo recuperato ciò che abbiamo perso? ... Era solo un umore che passa dopo pochi mesi? ... Forse la situazione generale è cambiata meno dell'atteggiamento degli europei verso di essa. Dopo tutto, non è un segreto che è più facile vincere quando non hai paura. Oggi l'Europa non ha più paura ". (21/06/2017)

Ancora un grande cantiere - Die Presse, Austria

La fiducia di Newcastle di Bruxelles è esagerata, Die Presse crede: "Chiunque sia andato via da un incidente non detestato sa come le persone di Bruxelles stanno ora sentendo: un senso di sollievo assordante. Paradossalmente la situazione che l'UE si trova oggi non è come un incidente, ma più come un grande cantiere. La migrazione, il terrorismo, la crisi dell'euro, la politica commerciale, la disciplina di bilancio, il rispetto dello Stato di diritto nell'est dell'UE, la distribuzione dei rifugiati - ovunque ci troviate ci sono compiti che devono essere affrontati urgentemente. ... Adesso l'Europa sta vivendo nella condizione temporale, inebriata dalle possibilità offerte dalla Brexit, dalla vittoria di Macron in Francia e dalla rielezione sempre più probabile di Angela Merkel in Germania. Sia che queste opportunità saranno acquisite sia un'altra cosa altrettanto ". (23/06/2017)

---

30 Paesi, 300 Media, una rassegna stampa. euro|topics presenta le notizie che interessano l'Europa e riflette le diverse opinioni, idee e umori del vecchio continente.