Politica

I tweet dei deputati europei... Say What!?

Articolo pubblicato il 21 marzo 2014
Articolo pubblicato il 21 marzo 2014

Chi dice che i politici europei siano una banda di burocrati? C'è anche gente comune, proprio come noi. Ogni settimana Cafébabel propone una selezione dei tweet più emblematici, pazzi e toccanti dei candidati al Parlamento europeo

Traduzione Tweet: "Strasburgo è una bella città, ma il circo itinerante dell’Ue deve finire!" #SingleSeat 

Secondo Jorg Leichtfried, non c’è ragione per cui il Parlamento europeo dovrebbe riunirsi 4 volte al mese a Strasburgo. Piuttosto sarebbe saggio restare a Bruxelles e non sprecare soldi. Dai suoi tweet si può apprendere che i costi del "circo itinerante" si aggirano sui 200 milioni di euro annui circa.

Traduzione Tweet: "Presto uscirà il nuovo album dei #Hightone"

Eric Mahuet è a capo della lista francese del Partito Pirata. Il suo tweet ci ha fatto notare questa band di Lione. Nata in Svezia nel 2006, i membri del Partito Pirata si batte per una riforma delle leggi sul copyright. Tra le sue fila, la più giovane deputata europea in carica, Amelia Andersdotter (27).

Martin Schulz, Presidente del Parlamento europeo, è finito al centro di uno scandalo da "tweet". Secondo il Partito dei Verdi Europei, avrebbe sfruttato il suo profilo Twitter istituzionale per guadagnare dei follower sul suo profilo personale. Il problema è che Schulz utilizza quest’ultimo per farsi pubblicità in quanto candidato alla presidenza della Commissione europea. Tutti i suoi "follower" precedenti sono stati trasferiti automaticamente sul nuovo account! Con la loro critica il Partito dei Verdi ha però inaspettatamente pubblicizzato il Partito Pirata!

In risposta al blocco di Twitter perpetrato dal Primo ministro turco, Recep Tayyip Erdoğan, Jonathan Fryer, giornalista e scrittore, ci mostra un’interessante infografica. Ecco a voi i Paesi che usano di più il famoso social network.

Traduzione Tweet: "Un’immagine vale più di mille parole #PutIN"

Angela Merkel esce dal didietro di Zio Sam. Cosa ci sta a fare là dentro? Secondo questo tweet euroscettico, "porge una guancia" agli Stati Uniti e l’altra alla Russia.