Politica

I TWEET DEI DEPUTATI EUROPEI... SAY WHAT!? #6

Articolo pubblicato il 16 aprile 2014
Articolo pubblicato il 16 aprile 2014

È Chi dice che i politici europei siano una banda di burocrati? C'è anche gente comune, proprio comE chi dice che i politici europei siano una banda di burocrati? C'è anche gente comune, proprio come noi. Ogni settimana Cafébabel propone una selezione dei tweet più emblematici, pazzi e toccanti dei candidati al Parlamento europeo.

Il Parlamento Europeo si attirato le ire dell'Iran dopo una nuova risoluzione che criticava le violazioni del diritti umani. Come osano? Negli ultimi otto mesi sono state giustiziate­ solo 537 persone. Cather­ine Ash­ton ha anche fatto arrabbiare gli iraniani incontrando 6 at­tiviste a Teh­ran per la giornata In­ter­na­zionale della Do­nna. E così vediamo delle bandiere americane bruciate contro l'interferenza occidentale. Forse i negozi avevano già esaurito le bandiere dell'UE?

Traduzione: guarda cosa ho trovato su in­ter­net.

Ecco Captain Europe! Questa immagine drammatica raffigura un candidato parlamentare, Grze­gorz Gruchal­ski, come il ga­me-chan­ger interglattico della politica europea. Caro Mr. Gruchal­ski, senza of­fesa, ma si é "photoshoppato"? Lei appartiene alla sel­fie gen­er­a­tion a cui piace taggare "me, my­self and I" in ogni foto su ogni so­cial net­work. Ma noi no, a noi non ci può ingannare.

Le donne in Europa guadagnano il 16% meno degli uomini. L'anno scorso il Parlamento Europeo ha votato con l'87% dei favorevoli per l'equo compenso. Non l'UKIP. Il partito va avanti scandalo dopo scandalo. L'ex eurodeputato UKIP God­frey Bloom ha definito "puttane" un gruppo di attiviste femministe e ha dichiarato che le donne sono tali se non puliscono dietro il frigorifero. Ma i politici sciovinisti non sono soltant una specie nativa del Regno Unito. In Fran­cia, i misogini hanno fatto il  "verso della gallina" in Par­lia­mento. In Ger­mania, sognano i giornalisti che indossano i "dirndl".

Dai gloriosi giorni della Riv­o­lu­zione Industriale del XIX secolo, le temperature glo­bali sono aumentate di circa un grado. Ma, mentre i paesi industrializzati hanno tratto beneficio dall'utilizzo di combustibili fossili, saranno quelli poveri e meno sviluppati a subirne le con­se­guenze- siccità, mon­soni, ci­cloni ecc. Tuttavia, riguardo questa tematica, la lead­er­ship europea é minacciata dal probabile exploit elettorale alle elezioni di Maggio della destra scettica riguardo le teorie del cambiamento climatico. Una strada già in salita che si profila sempre più difficile.

E infine, concedeteci un momento per contemplare la bellezza del Vecchio Contenente. Non é carino?