Politica

Elezioni in UK: un voto che galleggia appena

Articolo pubblicato il 12 giugno 2017
Articolo pubblicato il 12 giugno 2017

 Attenzionato da tutta Europa, il risultato delle elezioni generali inglesi è stato un buco nell'acqua. Theresa May ha perso la sua scommessa lasciando il partito conservatore senza una maggioranza in parlamento. Il partito laburista realizza una svolta inaspettata. Il futuro della politica nel Regno Unito è ancora più vago ma la Brexit molto più morbida.

Conseguenza di una cattiva campagna della volontà di continuare in direzione di una "Brexit dura" il partito conservatore guidato dal primo ministro Theresa May ha perso la sua scommessa di riaffermare la propria leadership nella politica britannica dopo le elezioni legislative anticipate tenutesi lo scorso 8 giugno. Se ianche conservatori vincono oltre il 42% dei seggi con una variazione positiva del 5,52%, non hanno però confermato l'avanzata di un paio di mesi fa. Colpa della cattiva gestione di maggio secondo alcuni, ma chi avrebbe mai pensato, allo stesso tempo,che i Labour potessero compiere questa rimonta? Dato per morto prima dell'inizio delle ostilità, inaspettatamente il partito laburista raggiunge quasi il 40% dei seggi parlamentari e migliora il suo punteggio del 9,5% rispetto al 2015. Jeremy Corbyn, il leader della formazione di sinistra, è stato sorprendente. Rampante e flemmatico, il vegetariano sui passi degli insegnati di geografia si è sentito a suo agio dove Theresa May non lo era: dibattiti televisivi, interviste serrate e manifestazioni...

Difficile spiegare con precisione i motivi che hanno portato gli inglesi a fare le loro scelte.E' sempre pericoloso predire il futuro della politica britannica. Restano i fatti: quello che molti vedono come una debacle, Theresa May ha deciso di formare un governo con il piccolo nordirlandese Unionist Party dei democratici (PUD) i cui voti (10 seggi) permettere ai conservatori di riconquistare la maggioranza assoluta. I negoziati intensi condotti fino a tarda notte in modo da portare ad un "governo di minoranza", rendono difficile anche imporre una posizione ferma sul negoziato per la Brexit. Wait and see.

---