Palermo

"Orizzonti Migranti", i rifugiati veleggiano verso la libertà 

Articolo pubblicato il 17 ottobre 2016
Articolo pubblicato il 17 ottobre 2016

Il Festival delle Letterature Migranti 2016 è stata anche l'occasione per regalare ai rifugiati l'opportunità di navigare liberi e di riappacificarsi con il mare. "Orizzonti Migranti", organizzato con la collaborazione del Centro Astalli Palermo, della Lega Navale Sezione Palermo e la Soprintendenza del Mare è stato uno dei momenti più emozionanti del Festival. Fotoreportage. 

Una navigazione a vele spiegate non può cancellare il ricordo di un viaggio della speranza in condizioni disumane, ma, questa volta, per i rifugiati ospiti del Centro Astalli di Palermo il mare è stato una dolce (ri)scoperta. La mattina di sabato 15 ottobre una dozzina di loro, tra cui una bambina molto piccola, si sono ritrovati al porticciolo della Cala e hanno navigato o nel golfo di Palermo su tre imbarcazioni della Lega Navale Italiana Palermo Centro, portando a bordo i messaggi di pace e gli aforismi sul mare di Fabrizio Caramagna di Aforisticamente. Tra le barche a vela non poteva mancare "Azimut", imbarcazione sequestrata nel 2013 a Siracusa, che si era arenata nella spiaggia di Vendicari con a bordo una sessantina di migranti. Oggi. la Lega Navale l'ha ristrutturata e la utilizza per i progetti sociali. Il resto lo raccontano le immagini che incidono più delle parole.