Palermo

Natale a Palermo, l'isola pedonale che c'è

Articolo pubblicato il 24 dicembre 2015
Articolo pubblicato il 24 dicembre 2015

Abbiamo fatto una passeggiata lungo l'isola pedonale nel centro della città, mai così estesa. Un racconto per immagini che prova a raccogliere il clima natalizio in una Palermo molto diversa rispetto al Natale 2014.

Una passeggiata lungo la mega isola pedonale voluta a Palermo per le festività natalizie è l'occasione giusta per gustarsi parte delle novità arrivate nel corso del 2015 in centro città. Per cominciare, avremmo potuto percorrere il tratto lungo cui si estende l'isola - da Piazza Castelnuovo ai Quattro Canti - con il nuovo servizio bike sharing attivo in Piazza Alberico Gentili, a patto di riportare la bici nella stazione. Ma questa volta, preferiamo incammaniraci a piedi da Piazza Crispi, covando in segreto il sogno di rivedere un giorno Villa Deliella ricostruita.

Via Libertà mantiene la solita eleganza, impreziosita da luminarie giallo oro e dall'apertura dei nuovi store Nespresso, Bialetti e Zara Home, un segnale del ritrovato interesse commerciale per il "salotto" della città. Anche gli ambulanti, però, si difendono bene.

Si giunge tutto d'un fiato a Piazza Castelnuovo, che volgendo lo sguardo a destra appare sconvolta dai cantieri per l'anello ferroviario e l'assenza di un intero filare di alberi sacrificati per accogliere le nuove infrastrutture. A sinistra, invece, brilla il fascino del Teatro Politeama.

Proseguendo per via Ruggero Settimo, si entra nel clou dello shopping con tutti i colori e le vetrine addobbate.

E poi c'è lui, il suonatore inarrestabile. Le sue melodie ripetitive e allegre attirano i turisti e i curiosi e si impossessano, nel bene o nel male, della mente di chi lavora tutti i giorni nel cuore commerciale della città. Questa volta è vestito di tutto punto e... suona. 

A Piazza Verdi il Teatro Massimo fa la sua consueta e maestosa figura, ma quest'anno la piazza è anche animata da giocolieri e artisti di strada.

Fabrizio, ad esempio, è irrefrenabile e riesce ad attirare l'attenzione dei più piccini, anche se poi ci rivela che sono in pochi a fermarsi, tutti corrono per i regali nalitizi.

Due le novità della piazza in questo 2015: il Caffè del Massimo e la Terrazza sopra Feltrinelli, dove si può ammirare un pittoresco mercatino natalizio.

Occhio anche al chioschetto di libri targato Navarra Editore, casa editrice indipendente palermitana impegnata anche su Una Marina di Libri.

Ed ecco che inizia Via Maqueda, la più riuscita delle isole pedonali del 2015, che ha visto sorgere numerose attività commerciali: Ke Palle, Don Gelato, FC Palermo Store e Bisso Bistrot. La fiumara di persone è vivace e fervente di vita fino ai Quattro Canti, anche se spiace vedere ancora al buio la Gallerie delle Vittorie, sempre inclusa nei tour dei monumenti abbandonati di "Palermo Indignata". 

Finiamo la nostra passeggiata natalizia a Piazza Bellini, dove un albero di natale saluta la chiesa, inclusa nella world heritage list dell'Unesco, un altro traguardo di questo 2015 palermitano su cui pochi avrebbero scommesso.