Palermo

Donne "In punta di piedi"

Articolo pubblicato il 08 marzo 2015
Articolo pubblicato il 08 marzo 2015

La Festa della Donna a Palermo è stata anche il Flash Mob organizzato dall’associazione In punta di Piedi che stamattina ha festeggiato la ricorrenza della festa della donna sulle note di Respect di Aretha Franklin. Noi c'eravamo. 

In un uggioso 8 marzo, il centro di Palermo si è trasformato con il Flash Mob organizzato dalla scuola di danza In punta di Piedi per rendere omaggio alla donna nel giorno della sua festa.

Non c’era il sole oggi, ma una macchia di colore ha rallegrato ugualmente la mattinata. Così in Piazza Castelnuovo alle 11 del mattino si sono riuniti i partecipanti all’iniziativa  ‪#POSTIT4RFESPECT, nata quasi un anno fa dall’aggregazione spontanea di professori, alunni e genitori della scuola di danza palermitana.  La variegata compagine, di giallo vestita, si è esibita sulle note di una scatenata Aretha Franklin  che gridava a pieni polmoni: Respect!

Facciamo tutto questo per le donne, per aiutarle a ribellarsi alla violenza, non ci piace dire che siamo contro la violenza, tutto quello che facciamo è a favore delle persone vulnerabili”, sottolinea Mara Rubino, ideatrice del progetto. Una sottile differenza semantica che però sottolinea il vero messaggio di questi artisti: non c’è un nemico contro cui ballare ma solo qualcuno a favore del quale farlo.

Circa un anno fa  Mara, Massimo Torcivia e il presidente dell’associazione Rosi Pirrone hanno chiesto a persone di ogni sesso ed età di lanciare un messaggio di rispetto che fosse chiaro e conciso, così efficace da entrare in un post it. Hanno raccolto moltissime adesioni volontarie e dopo qualche mese, il 24 novembre 2014, hanno esposto il frutto del loro lavoro all’ecomuseo Urbano Mare Memoria Viva di Palermo, accompagnando la presentazione con un spettacolo di danza. In quell’occasione sono intervenuti anche esponenti di spicco impegnati nella lotta alla violenza di genere, tra i quali il poliziotto e scrittore Nicolò Argileri, autore del libro Il Fiore dei Gitani che racconta la storia vera di una giovane kosovara ridotta in schiavitù a Bagheria. 

Cafébabel Palermo si unisce alla compagnia di danza per augurare a tutte le donne un buon 8 marzo e per ricordare a tutte che non bisogna mai smettere di pretendere rispetto dentro e fuori le mura di casa, proprio come canta la grande Aretha: “All I'm askin' is for a little respect when you come home!”