Lost in translation

Shakespeare in sleep, sogna o è desto?

Articolo pubblicato il 01 febbraio 2008
Articolo pubblicato il 01 febbraio 2008
(Foto: Phil Gyfors, flickr) Discorrendo di una rappresentazione teatrale de La tempesta di Shakespeare con un dotto amico filosofo, questi mi ha fatto notare che la traduzione ufficiale di alcuni dei suoi più celebri versi non coincide assolutamente con l’originale.

I versi, pronunciati da Prospero, in italiano recitano:

Siamo fatti anche noi della materia

di cui son fatti i sogni;

e nello spazio e nel tempo d’un sogno

è racchiusa la nostra breve vita.

(Traduzione di Goffredo Raponi)

Ma “nel tempo di un sogno” è un’interpretazione (critico-letteraria?) del “sonno” shakespeariano, uno stato mentale da cui probabilmente l’autore si sentiva “circondato”; il mio amico filosofo suggerisce di tradurre con “assediato”, ma è evidentemente una sua - voluta – esacerbazione

We are such stuff

As dreams are made on; and our little life

Is rounded with a sleep.

Questa confusione traduttiva tra sonno e sogno, inevitabilmente mi rimanda all’omografo esistente in spagnolo: sueño è infatti riconducibile sia a “sogno” che a “sonno”. E quest'ambiguità è stata sfruttata anche nell’adattamento teatrale dell’Accademia della Follia di Trieste: La vida es sueño di Pedro Calderón de la Barca è stata infatti da loro ritradotta “La vita è sonno”. Il sonno, dunque, come fuga dalla realtà?