Lifestyle

Route 28: tutte le strade portano a Vienna

Articolo pubblicato il 19 giugno 2017
Articolo pubblicato il 19 giugno 2017

"Il nostro obiettivo è regalare sensazioni", dice il team Route 28. Un giorno a maggio l'organizzazione ha permesso a 800 visitatori di viaggiare in tutta Europa senza lasciare il centro di Vienna. La fondatrice Katharina Moser spiega come il viaggio europeo delle scoperte funziona nella città che lei chiama a casa.

Cafébabel: Katharina, che o cosa è Route 28?

Katharina Moser: L'itinerario 28 è stato ispirato dalla Route 66. Tutti in America la conoscono e abbiamo voluto creare qualcosa di simile in Europa, un luogo dove la gente poteva viaggiare per sperimentare il continente. Molte persone non si rendono conto di dove provenga il nome, e questa è una buona cosa. Volevamo creare un evento con un nome accattivante che potrebbe essere utilizzato come marchio, che non ha un'associazione diretta con l'Europa. Stiamo cercando di portare l'Europa più vicina alle persone senza spingerla nei loro volti. 28 è ovviamente un riferimento ai 28 Stati membri, ma poi Brexit è accaduto due mesi dopo ...

Cafébabel: Dovresti cambiare il tuo nome in Route 27?

Katharina Moser: Abbiamo avuto un momento in cui abbiamo pensato: "No, cosa faremo con il nome adesso ?!" Ma stiamo andando a stare con essa. Abbiamo tenuto l'evento due volte e la gente conosce il nostro nome. Inoltre, non ci vediamo come un progetto dell'UE, ma come un progetto europeo. Non sono stati solo gli stati dell'UE che hanno partecipato quest'anno. 28 non è un requisito. In realtà, preferiremmo avere 30 o 40 stazioni e rappresentare veramente tutta l'Europa. Ma vedremo se manteniamo il nome, abbiamo ancora tempo prima del 2019.

Cafébabel: Qual è stata la motivazione di portare l'Europa a Vienna?

Katharina Moser: Molti dei miei sentimenti positivi verso l'Europa sono venuti dal viaggio. Il mio co-fondatore, Stefan Apfl, e ho sentito che era importante dare alle persone l'opportunità di sperimentare i viaggi, in particolare quelli che non possono permettersi di andare in vacanza tutto il tempo. Essere europei è qualcosa che ci riguarda tutti.

Cafébabel: La sensazione europea è fondamentale per il tuo progetto. Come fai a convincere la gente a cogliere questa idea?

Katharina Moser: Le sensazioni hanno a che fare con gli individui. Quando Stefan e io stiamo sviluppando il concetto, ci siamo chiesti: perché ci sentiamo europei? Perché è qualcosa di positivo? Ho trascorso un anno in Spagna e ho vissuto in un appartamento con persone provenienti da sette paesi. Ho visto tutte le differenze tra noi come molto positive. Siamo stati entrambi in viaggio Interrail e sono stati arricchiti come individui dall'esperienza. Siamo tutti gli esseri umani con i nostri sentimenti e questo è esattamente quello che vogliamo mostrare. Devi comunicare una sensazione alle persone individuali, non puoi trasmetterla ad una nazione intera in una sola volta.

 

Cafébabel: Quindi Free Interrail sarebbe un buon modo per ottenere questa sensazione di fronte?

Katharina Moser: Sì, sono anche un ambasciatore di Interrail gratuito e sono un buon amico con i fondatori di Herr und Speer. L'idea è nata due anni fa. La cosa bella della storia è che questi due ragazzi di Berlino avevano un'idea semplice: i giovani europei devono sperimentare l'Europa per sentirsi europei. Ed è esattamente questa idea che sto perseguendo con la Route 28. È un bel esempio di come gli individui possono cambiare le cose. Dobbiamo rafforzare e diffondere questa idea. Dobbiamo sostenerci l'un l'altro. La sensazione deriva dal vivere realtà diverse, da scherzi, personaggi famosi, odori - le piccole cose che costituiscono un modo di vivere. Li conosciamo da viaggiare: sono le cose che ricordiamo. Le cose che sono diverse da dove viviamo. Ho anche scritto un libro con giovani europei che stavano trascorrendo del tempo in Austria. Tutte queste piccole cose cominciarono ad emergere, come come trovano assurdo che domenica in Austria ci sono sacchi di giornali che appendono in giro. In Italia sarebbero stati rubati subito. O il fatto che ci salutiamo dicendo 'Mahlzeit' ('pasto di mezzogiorno') a mezzogiorno, come se dobbiamo ricordarci che è il momento di mangiare. Le cose che avevano notato sembravano normali per noi e queste due prospettive non hanno bisogno di contraddire l'un l'altro.

Cafébabel: Quanto tempo ha funzionato esattamente Route 28?

Katharina Moser: Abbiamo provato prima il concetto nel 2016. Avevamo cinque paesi e 200 persone e quello che è successo alle stazioni è stato abbastanza casuale. Il primo istinto è naturale: dovete lavorare con persone provenienti dai rispettivi paesi. Per la Polonia, ci siamo imbattuti in uno chef polacco pierogi, quindi è stato ovvio - in Polonia, avremmo cucinato. Conoscevo un cantante della Spagna, Clara Blume, e suonava canzoni dal suo nuovo album alla sua stazione. E 'stato molto divertente. Nel 2017 abbiamo pensato: "Ok, questa volta, andiamo grossi". C'erano circa 800 persone e c'erano 15 stazioni. Certo, abbiamo lottato con la questione di consentire lo stereotipo nel programma. Ma le tradizioni ancora vive avranno sempre un posto e sempre ispirano le persone. Noi giochiamo con i cliché ma li usiamo anche come ponti, per rendere le persone curiose e per incoraggiarle ad esaminare le cose più da vicino.

Cafébabel: Dove la Route 28 ci porterà in futuro?

Katharina Moser: Sto già pensando a questo. La questione non è se la motivazione sia lì perché è, è sulla fattibilità. Oltre alla nostra preparazione, c'è la questione di trovare partner che sono disposti ad assumere il progetto con noi. Ho anche l'idea di prendere la Route 28 fuori da Vienna e di percorrere l'Europa; Portando l'Europa in Europa!

Cafébabel: Per il Regno Unito nel 2019, per esempio? Esattamente, perché no?

Katerina Moser: Ci sono persone sufficienti che si sentono europee e gli altri dovrebbero conoscere l'Europa - non sarà meno importante, anche se non sono più nell'UE.

Cafébabel: l'Europa è attualmente un po 'divisa. Come possono iniziative come la tua aiutare a migliorare la situazione?

Katerina Moser: I progetti devono sempre dimostrare di avere obiettivi a lungo termine. Il nostro obiettivo è generare una sensazione che emergerà solo per un lungo periodo di tempo. Non vogliamo che la gente prenda per scontato che dovremmo festeggiare essere europei. La condizione attuale del continente è una sveglia per l'Europa e vogliamo sostenerla. Proprio come la palla di vita dimostra che Vienna è una città aperta, la Route 28 dovrebbe definirla come europea. Sarebbe davvero fantastico. Attualmente ci sono molti progetti europei appassionati, mentre nella politica sono diffidenti di discutere l'argomento dell'Europa, spesso sostenendo che la "narrativa europea" ha perso la strada. Penso che sia molto importante fidarsi di essere più creativi e non convenzionali. Non credo che la visione sia stata persa. Ci sono molte narrazioni e tante persone entusiaste in Europa. Devi solo fidarsi di te!

_

Sito ufficiale Route 28