Lifestyle

Quel bastoncino croccante e dorato che compie cinquant'anni

Articolo pubblicato il 06 novembre 2009
Articolo pubblicato il 06 novembre 2009
Dopo mezzo secolo Capitan Findus rimane il beniamino dei bambini e ed è sempre presente nei frigoriferi degli studenti. In difesa del filetto piú spigoloso d´Europa.

A suo tempo, per il suo primo numero nella primavera 2009, la rivista di grido per genitori-yuppie tedeschi Nido si era lanciata con lo slogan “per famiglie che mangiano piú spesso bastoncini di pesce che pesce con i bastoncini” (intendendo le bacchette giapponesi per il sushi). Bastoncini di pesce, un cibo per la classe operaia? E questo proprio nell'anno del loro anniversario! Capitan Findus e i suoi bastoncini spengono infatti la loro cinquantesima candelina: chissá se il guru delle riviste Timm Klotzek riuscirà mai a fare altrettanto con Nido!

Capitan Findus, il capitano più famoso di tutti i tempi dopo Capitan Cook

Lo ammettiamo, i bastoncini di pesce forse non sono la cosa più raffinata che si possa somministrare al viziato palato europeo, d'altra parte però il filetto surgelato dalla panatura dorata ha dimostrato di avere una certa capacità d'integrazione. Tant'è che sia i piccoli tedeschi, che i mini inglesi, italiani e svedesi hanno avuto modo di adorare il momento in cui la signora mamma lavoratrice estraeva magicamente dal freezer quei rettangolini di pesce subito pronti. Che fossero di Käpt’n, Captain, Capitão o Kapitein Iglo, Capitan Findus in Italia, Capitan Pescanova in Spagna o dell´originale inglese Capitain Birdseye, i bastoncini di pesce si sono trovati nei piatti dei bambini di tutta Europa. In un sondaggio del 1983 Capitain Birdseye venne addirittura insignito del titolo di capitano più famoso di tutti i tempi dopo Capitan Cook. Secondo The Mirror sarebbero i bastoncini francesi a contenere la percentuale di pesce più alta (piú del 65%).

In origine, negli anni Quaranta, in Gran Bretagna si voleva far sì che la gente mangiasse più pesce che fa bene alla salute, inoltre in quegli anni gli inglesi esportavano gran parte del loro pescato nel Nord Europa. Fu Clarence Birdseye che nel 1955 ebbe l'idea geniale di proporre il merluzzo sotto forma di bastoncini. I primi fish fingers, letteralmente “dita di pesce”, come vengono chiamati in Gran Bretagna, vennero sperimentati inizialmente nel Southampton e nel Sud del Galles, prima che nel 1959 fossero commercializzati in modo permanente nel Great Yarmouth. Oggi merluzzi, naselli e simili, subito dopo la cattura vengono surgelati in fogli sottili e spediti principalmente al porto di Brema, da dove la Frozen Fish International, una società affiliata alla Unilever, rifornisce di bastoncini di pesce quasi tutto il continente.

©London Sea LifeLa democratizzazione dei bastoncini dorati e la loro forma innaturale hanno nel frattempo avuto strani effetti collaterali. Secondo un sondaggio del Daily Telegraph, 10 dei 125 bambini intervistati in Inghilterra è convinto che i bastoncini siano davvero una specie di pesce. L'acquario Sea Life di Londra ne ha fatto uno scherzo e fino al primo novembre ha lasciato nuotare a fianco di pesci veri anche dei pesci-bastoncini: persino alcuni adulti hanno creduto che i bastoncini di plastica fossero veri….

Ricetta per sushi ai bastoncini di pesce  (e tanti saluti a Nido, dato che si possono avere entrambi!)

Ingredienti:

1 tazza di riso (per sushi), lavato con cura e lasciato ammorbidire per circa un’ora

10 bastoncini di pesce

225 g di spinaci surgelati (1/2 confezione)

1 tubetto di maionese

5 foglie nori (l‘alga essicata che si usa per il maki-sushi)

Salsa di soja

Zenzero

Pasta wasabi

Bollire il riso e lasciarlo raffreddare nella pentola. Preparare i bastoncini nel forno o in padella seguendo le istruzioni sulla confezione. Riscaldare gli spinaci in una padella e condire con la salsa di soja. Stendere una foglia di nori sull´apposito tappetino di bamboo e distribuire il riso raffreddato sulla metà inferiore. Lo strato di riso non dovrebbe superare i 5 millimetri, altrimenti gli involtini risulteranno troppo tozzi. A questo punto porre due bastoncini sul riso e distribuire gli spinaci tutt´intorno. Tra gli spinaci e i bastoncini aggiungere un’abbondante porzione di maionese. Arrotolare gli involtini utilizzando il tappetino e tagliarli in 8-10 pezzi con un coltello ben affilato. Infine disporre sui piatti e servire.