Lifestyle

Meet My Hood: Wedding, Berlino

Articolo pubblicato il 04 settembre 2017
Articolo pubblicato il 04 settembre 2017

Un tempo un quartiere operaio, chiamato "Red Wedding", adesso un'area in forte crescita e culturalmente diversificata.Messo a confronto con altri quartieri di Berlino, Wedding è sostanzialmente inviolato dal fenomeno della gentrificazione e ciò ne fa una delle zone più autentiche della città. Il vero spirito di Berlino qui è ancora vivo. Ecco il perchè, in parole povere.

Il nome Wedding non ha niente a che fare con il matrimonio. Questa zona di Berlino ha preso il nome dal nobiluomo del XII secolo Rudolf de Weddinghe e non a caso è l'unico quartiere ad essere scritto rigorosamente con l'articolo determinativo davanti, nel caso specifico –Der.Tradizionalmente un quartiere operaio, è ora dimora di una vasta comunità di immigranti, che costituisce circa il 30% della popolazione della zona.E' anche una delle aree meno ricche della città, con tassi di disoccupazione e di criminalità relativamente alti. È raro che i turisti visitino Wedding.Il senso di comunità locale proviene da piccoli negozi di alimentari, dove gli abitanti passano la maggior parte del tempo a conversare più che a fare la spesa e, seduti ai bar, si godono una vita al rallentatore.

Centri della comunità

Il nostro viaggio a Wedding inizia dalla  S-Bahnhof Wedding, una delle stazioni della Ringbahn, la metro circolare di Berlino. A Nettelbeckplatz, la piazza di fronte l'uscita della metro, ci sono solo persone del posto: madri che tengono d'occhio i propri figli, giovani seduti sulla cima delle panchine e gente che aspetta il bus. Quasi tutti gli altri giorni c'è anche un mercato contadino nel centro della piazza, ma oggi l'atmosfera è silenziosa e residenziale. Diversamente che in quartieri trendy come Prenzlauer Berg e Friedrichshain, a Wedding devi sapere dove guardare se stai cercando bar alla moda e ristoranti.Per fortuna, noi sappiamo dove andare.

Imbocchiamo Gerichtstraße, che in realtà dovrebbe far parte di Gesundbrunnen, un'area formata dalla parte est di Wedding ma separata dal quartiere da una riforma amministrativa del 2001. In ogni caso, gli abitanti considerano entrambe le zone parte di Wedding.Scott Bolder abita a cinque minuti dalla piazza.Originario di Brooklyn, vive a Berlino dal 2010 e da allora sta lavorando a un progetto chiamato Das Baumhaus (che significa casa sull'albero).

Das Baumhaus è un luogo di grande interesse per la comunità locale. Ogni giovedì vi si organizza una "serata sociale", in cui la gente condivide cibo, progetti e idee. E' un posto dove si può chiedere sostegno e costruire nuovi legami. Nella sala ci sono professionisti, studenti, emigrati, membri della comunità Rom o Turchi, in poche parole chiunque.E chiunque venga qui e ne coglie l'atmosfera, come dice Scott, "senz'altro ha il giusto atteggiamento."

Da 'Red Wedding' a 'Green Wedding'

Lasciamo la casa sull'albero e ci dirigiamo a nord, verso il centro del quartiere. Passando tra strade residenziali ci imbattiamo in un ex forno crematorio,  trasformato in centro culturale, chiamato silent green Kulturquartier, che ospita mostre, uffici , un ristorante e un bar.

Appena due strade dopo, ai margini di Leopoldplatz, ci salta all'occhio un enorme murales: "Still not love gentrification!" che tappezza un grosso edificio grigio. Di fronte c'è Himmelbeet, un orto comunitario, ossia un altro spazio per i Weddingers.

Da quattro anni gli abitanti del posto stanno coltivando in questa area pomodori e prezzemolo, tra le altre cose, ma si riuniscono anche per discutere delle questioni della comunità e condividere difficoltà.

"E' iniziato come un progetto di permacultura, ma ad oggi è un vero e proprio progetto di quartiere," ci dice Meryem, mentre sfoltisce alcune piante di menta. Lei lavora a Himmelbeet da tre anni e conosce ogni aiuola dei dintorni. "E' come un salotto dove chiacchierare.Ho visto bambini crescere qui,"aggiunge. Nell'ultimo anno la comunità ha costruito anche un forno per il pane, che viene preparato ogni venerdì.

Più berlinese non si può

Il miglior modo per godere della scena culturale di Wedding e capirne la mitologia locale, è partecipare ad uno spettacolo presso il Prime Time Theatre. Più volte a settimana, alle 20:15 va in scena la sitcom live 'Gutes Wedding Schlechtes Wedding' (letteralmente 'Wedding buona, Wedding cattiva'). Dopo circa 14 anni di messinscena e ben 111 episodi, per trovare un posto bisogna acquistare il biglietto con molto anticipo.

La sala è piena di spettatori abituali e nuovi, l'atmosfera è molto informale e rilassata e sembra che molte persone si conoscano tra loro.

Oliver Tautorat, fondatore del teatro, accoglie tutti di persona. "Si tratta di una specie di grande riunione di famiglia, con il classico zio che  fa battute.Noi, per il pubblico, siamo questo zio." I personaggi sul palcoscenico sono tipici abitanti di Wedding: un postino di mezza età di nome Kalle, il proprietario di un negozio di kebab Ahmed, una prepotente madre turca, tifosi dell'Herta FC, e molti altri. Come in ogni sitcom, si gioca con personaggi archeticipi, che ancora compiacciono una larga fetta di pubblico tedesco.

La nuova Neukölln

Wedding pian piano si sta disfacendo della sua reputazione di quartiere povero, sporco e pericoloso. È da circa dieci anni che la gente continua a dire "Wedding diventerà la nuova Neukölln", dal momento che sempre più artisti e studenti vi si trasferiscono. Eppure il processo di gentrificazione non è così scontato, salvo che per Sprengelkiez

"Wedding si sta costantemente sviluppando, ma a un ritmo umano," dice Joachim, fondatore del sito web Weddingweiser. "È al centro delle cronache a causa di qualche servizio giornalistico riguardo criminalità e difficoltà sociali ma, in un certo modo, qui si può condurre una vita tranquilla e residenziale. Ci sono molte iniziative locali e progetti che connettono i residenti tra loro."

Il nostro giro si conclude al Moritz Bar, non lontano dal teatro. È un posto in classico stile berlinese, con una modesta selezione di birre. Di fronte a noi sono seduti due uomini e, casualmente, iniziamo a conversare con loro. Entrambi abitano nelle vicinanze, d'altra parte chi altri andrebbe in un bar a Wedding di giovedì sera?Per loro, semplicemente è più economico vivere in questo quartiere. "E se hai bisogno, puoi andare in qualsiasi altro posto con un semplice giro in metro"

Qualche parola dal vicinato

I volti

Quanto costa?

Hotspots a Wedding

Das Baumhaus, Gerichtstraße 23

Himmelbeet, Ruheplatzstraße 12

Prime Time Theater, Müllerstraße 163

Wilma (bar), Badstraße 38

F bar, Grüntaler Str. 9

Silent green Kulturquartier in former Crematorium, Gerichtstraße 35

be’kech Anti Café, Exerzierstraße 14

Café Pförtner (restaurant), Uferstraße 8-11

---

Quest'articolo fa parte del progetto Meet My Hood. L'obbietivo è quello di scoprire dei quartieri nascosti nelle grandi capitali europee. Partecipa, ovunque tu sia!