Lifestyle

Meet My Hood: Molenbeek, Bruxelles

Articolo pubblicato il 02 dicembre 2015
Articolo pubblicato il 02 dicembre 2015

In risposta ai titoli dei giornali degli ultimi giorni, una ragazza di Bruxelles ci mostra la brulicante attività del quartiere di Molenbeek. Quando l'orologio segna le 12, gente di ogni provenienza si raduna per pranzare in una delle tante piccole panetterie della zona. Multiculturale e ricca di storia, quest’area della città vi permetterà anche di rispolverare le vostre competenze linguistiche.

Quando attraversate il canale, lasciandovi alle spalle il centro di Bruxelles, una fila di piccoli mulini a vento vi dà il benvenuto a Molenbeek. In questo stesso quartiere, oggi noto per la sua popolazione multiculturale, molto tempo fa si potevano veder passeggiare artisti del calibro di Vincent Van Gogh. Nel 2015 le ex fabbriche di carbone del XIX secolo hanno ormai lasciato il posto alla vivace atmosfera della vita cittadina.

Nei tanti, piccoli negozi che si affacciano su chaussée de Gand, la via principale di Molenbeek, si possono comprare, tra le altre cose, abiti lunghi, veli con cui coprirsi il capo e mobili dal Marocco. Nell'area non si trovano molti grandi supermercati: questo quartiere è noto per le sue piccole attività, come panetterie, alimentari, macellerie e pescherie.

Vista la forte presenza di musulmani che vivono nella zona, durante il Ramadan Molenbeek cambia volto e si iniziano a vendere i dolci per le celebrazioni che si tengono dopo il tramonto. Per aiutare la cittadinanza a capire meglio e a partecipare alla festività, la comunità fiamminga e l'associazione De Vaartkapoen organizzano delle cene settimanali durante il Ramadan. A questi incontri partecipano fino a 70 persone, che cenano insieme in una sala concerti, trasformata per l'occasione in una grande sala da pranzo. Dai pakistani ai marocchini, dai belgi agli americani... tutti sono invitati. La religione qui non è un problema; la cena del Ramadan riesce a riunire la comunità multiculturale di Molenbeek. 

Quando vado alla mia panetteria preferita in place Jean-Baptiste-Eglise, oltre al mio solito pane, provo qualcosa che a prima vista non riconosco: sono delle specialità turche. Qui è difficile che si senta parlare olandese o inglese. Il francese e l'arabo sono le lingue più comuni. Nonostante ciò, il panettiere fa del suo meglio per rivolgermi alcune parole in olandese, mentre io con lui mi sforzo di parlare francese. 

All'ora di pranzo, intorno a questo piccolo negozio, c'è sempre una lunga coda che si snoda lungo la strada. I bambini mangiano il loro pranzo sulla porta, mentre i clienti affamati li scavalcano per entrare. Qui per 1 euro e 50 si può comprare una pizza turca alle verdure appena sfornata. Rumeni, polacchi, persone di ogni nazionalità si ritrovano in posti come questo per pranzare, oltre agli abitanti turchi e fiamminghi del quartiere.

Il barbiere Hedi, che ha un negozio su rue Ribeaucourt, è arrivato a Bruxelles cinquant'anni fa e da quel momento non ha mai lasciato Molenbeek. Dopo tutto questo tempo, lavora ancora nello stesso negozio, che alla fine è riuscito ad acquistare. Quest'uomo è fiero delle sue radici tunisine, ma allo stesso tempo si considera anche un autentico bruxellois. Nel suo negozio dall'aspetto vintage, ad ogni taglio di capelli si ottiene anche una piacevole chiacchierata e una tazza di caffè. Gratis.

Molenbeek prende vita il giovedì sera, quando place Jean-Baptiste-Eglise e le vie laterali si trasformano in un grande mercato, il cuore sociale e commerciale del quartiere. Tutto è in vendita a prezzi economici, dalla frutta alle verdure, dai vestiti alle scarpe. Qui si trovano le migliori olive della città e se venite a passeggiare da queste parti, non dimenticate di portarvi a casa un mazzo di erbe aromatiche.

Quanto costa?

Per la strada

L'atmosfera

La gente

_

Questo articolo è una puntata speciale del nuovo progetto di cafébabel: Meet My Hood. L'obiettivo è fare scoprire i quartieri delle principali città europee. Partecipa anche tu, ovunque ti trovi!

_

Pubblicato dalla redazione locale di cafébabel Bruxelles.