Lifestyle

L'Europa senza roaming

Articolo pubblicato il 13 giugno 2017
Articolo pubblicato il 13 giugno 2017
"Roam like at home" si applica in tutta l'UE a partire da oggi, giovedì. Coloro che viaggiano all'estero non dovranno più pagare ulteriori spese per utilizzare i loro telefoni cellulari per le chiamate normali.

De Standaard: Belgio

De Standaard vede i nuovi regolamenti sulle tariffe di roaming come segno sperimentale per l'economia dell'UE: "Ora che è chiaro che l'anno elettorale non porterà una svolta irreversibile per il populismo e l'euroscetticismo, questo dono ai consumatori è ben tempestato. L'entusiasmo rilanciato per il progetto di integrazione europea, il ripristino dell'asse di Berlino-Parigi e la crescita economica contribuiscono a un senso di cauto ottimismo. Donald Trump girando la schiena in Europa sta facendo il resto. Il vento fresco non è ancora più che una brezza dolce e raffredda in una calda giornata estiva di cottura. ... Ma sta diventando chiaro che questa Europa stagnante, questa impopolare, ingombrante e instabile costruzione, ha ancora la possibilità di sopravvivere, dopo tutto. L'episodio delle commissioni di roaminge indica la via da percorrere: le possibilità per rendere la vita degli europei migliori, più belle e ricche sono infinite ".

Večer: Slovenia

Večer non crede che i clienti di telefonia mobile saranno i principali beneficiari del "Roaming come a casa": "Cerchiamo di non intrattenere l'illusione fatto che i consumatori sono importanti in questa equazione. Perché più traffico Internet attirerà più inserzionisti. Quest'anno ci prenderemo più foto e video fatto faremo 'come' e condividere via Twitter. ... I dati di vendita per i primi hard disk, computer, tablet, telefoni e televisori saliranno. E che sta a trarre profitto da tutto ciò che la maggior parte? Google, Facebook, Youtube, Snapchat e Instagram. ... Tutte le società statunitensi. Va bene, e alcuni da Corea, Cina e Giappone. Donald è già fregandosi le mani in allegria. "

El Periódico de Catalunya: Spagna 

Finalmente la lunga lotta della Commissione europea ha dato i suoi frutti, i commenti El Periodico de Catalunya: "Questo Giovedi alle situazione assurda per i cittadini dell'UE viene a in testa. In una zona in cui le persone, merci e capitali possono circolare liberamente non cesserà di essere costi aggiuntivi per l'utilizzo del telefono cellulare al di fuori dello stato in cui avete il vostro contratto di telefonia. Anche se questa pratica può essere stata giustificata nei primi giorni di telefoni cellulari, il fatto è thatthere è alcuna spiegazione ragionevole per esso al giorno d'oggi perché l'enorme mobilità dei clienti finisce per compensare i costi aggiuntivi ogni azienda deve sopportare. Dal momento che abbiamo sempre critichiamo i burocrati di Bruxelles dobbiamo riconoscere thatthis tempo grazie alla perseveranza della Commissione europea dei diritti degli utenti hanno prevalso contro gli ostacoli posti dalle aziende. "

Tages-Anzeiger: Svizzera

In ultima analisi, saranno quelli che usano i loro telefoni cellulari principalmente nel loro paese d'origine che pagano il prezzo per la fine di tariffe di roaming, Tages-Anzeiger teme: "Le società di telecomunicazioni nell'UE non semplicemente accettare la perdita di reddito da tariffe di roaming. Cercheranno di fare per essa. Diverse aziende hanno già aumentato le loro tariffe per le chiamate nazionali. Altri sono suscettibili di jack up i canoni di abbonamento. Questo fenomeno è noto come effetto letto ad acqua: se le politiche spingere i prezzi verso il basso in un unico luogo, vanno in un altro. Alla fine sarà cosmopoliti d'Europa che beneficiano l'abolizione di tariffe di roaming, in altre parole coloro che viaggiano molto e fare telefonate dall'estero. I loro bollette telefoniche scenderanno a scapito di coloro che lavorano nel loro paese d'origine e andare in vacanza e fare telefonate da lì."

__

30 Paesi, 300 Media, una rassegna stampa. euro|topics presenta le notizie che interessano l'Europa e riflette le diverse opinioni, idee e umori del vecchio continente.