Lifestyle

Europei 2012, Polonia e Ucraina?

Articolo pubblicato il 10 ottobre 2008
Articolo pubblicato il 10 ottobre 2008
Non è stato ancora confermato se gli Europei 2012 si terranno tra Varsavia e Kiev: corruzione, viabilità e vandalismo sono solo alcuni dei problemi.

Ostap Protsyk, direttore dell’ufficio del sindaco di Leopoli, è su un prato nella periferia della città ucraina. Parla fiducioso dei futuri finanziamenti degli stadi per gli Europei di calcio del 2012: «In questo momento ci troviamo dove giocheranno, tra quattro anni, squadre provenienti da tutto il mondo», afferma. Si nutrono speranze per un consistente fondo per la costruzione dello stadio: circa cento milioni di euro. Sulla testa di Protsyk sorvola un aereo della compagnia low cost ungherese Wizzair. Presto si dovrebbero risolvere anche gli enormi problemi per la circolazione aerea dell’Ucraina. Almeno questo è quello che sogna Oleksandr Sahrewa. Il direttore dell’aeroporto si trova sul terreno sovietico dell’area di manovra e parla di un piano di circa 200 milioni di euro per il prolungamento della pista e di un terminal aggiuntivo. «Durante la loro visita, gli ispettori Uefa sono stati anche nel nostro aeroporto. Il nostro programma di ricostruzione ha soddisfatto le loro attese», spiega Sahrewa.

kadbucketcreations091/Flickr

Il grande problema chiamato hooligan

Alla fine di settembre si è riunito a Bordeaux il Comitato esP.J.S./flickrecutivo della Uefa e, tra le tante cose, si è discusso anche di corruzione e sicurezza. Platini era appena rientrato da un viaggio a Varsavia e Kiev e, in entrambi i Paesi è il forte problema degli hooligan. Dopo un derby locale tra Polonia e Legia Varsavia svoltosi nella capitale polacca, circa un mese fa gli agenti della polizia hanno arrestato 741 teppisti per aver compiuto atti di vandalismo nel centro storico. Quasi tutti sono di nuovo a piede libero. Non esiste, tra l’altro, un sistema centralizzato di monitoraggio del vandalismo nel calcio, come in Europa occidentale. Nell’atrio della Lega Calcio polacca (Pzpn) che si trova in Ulica Miodowa, si vede l’intonaco sui muri: un colpo di pittura sarebbe necessario. «Se gli europei di calcio si svolgessero nel 2016 non ci sarebbe alcun problema», afferma il Presidente della Lega Calcio Polacca, Michal Listkiewicz. Insieme al suo collega ucraino Grigorij Surkis, ha sostenuto la scelta di Michel Platini come Presidente della Uefa nel gennaio 2007. Tre mesi dopo la decisione di organizzare gli Europei 2012 è caduta a favore della Polonia e dell’Ucraina. Al momento della scelta, a Cardiff, Listkiewcz ha accolto la notizia ballando nella sala riunioni abbracciato all’allora Ministro dello Sport, Tomasz Lipiec, il quale è stato poco dopo arrestato per il presunto coinvolgimento in un affare di corruzione.

Mancanza di infrastrutture

L(Slawek's/flickr)istkiewicz sperava che i colpevoli dei problemi degli Europei del 2012 fossero altrove. «A Danzica, cittadina al nord della Polonia, sono sorte delle difficoltà per la costruzione degli stadi a causa degli orti presenti in quella zona», afferma. Gli agricoltori del quartiere di Letnica si lamentano e chiedono un indennizzo. Litold Baginski è uno di questi. Si è commosso quando è stato allontanato dal suo terreno. Sostiene che la sua vita è cambiata completamente da quando sono entrate in funzione le scavatrici. Anche il sindaco della cittadina, Paqwel Adamowicz è preoccupato per questa situazione. Gli investitori privati per la costruzione dello stadio di Danzica non esistono ancora. «Fino a che lo stadio non verrà terminato, non avremo ancora restituito il prestito, anzi forse ne dovremo chiedere un altro». Il costo per l’intero progetto della costruzione del Baltic Arena è di circa 230 milioni di euro.. «Il problema più grande è la circolazione», il Presidente della lega ListKiewcz continua con le denunce. «Da Danzica a Donzek sono circa 1500 chilometri! Qui non è come in Austria e Svizzera dove tutte le città sono collegate tra loro». In occasione della visita di Platini, Listkievcz non ha nascosto il problemi. «Esaminando la situazione in modo realistico, non siamo sulla buona strada per la preparazione degli Europei 2012», dice. Anche il Ministro dei trasporti ha ammesso che per il 2012 non sarà terminata l’Autostrada A4 in direzione Ucraina. Il discorso non verte soltanto sull’autostrada. La rete extraurbana che collega Leopoli a Kiev, circa 500 chilometri, la si può percorrere in un giorno intero. La causa della persistente crisi di Governo è la cattiva amministrazione Ucraina.

Considerando la relazione consegnata dal presidente della lega calcio polacca,Michal Listkievcz, esistono ancora dei dubbi sulla designazione della Polonia e delll’Ucraina come sede degli Europei di calcio 2012. Secondo lui: «la Polonia e l’Ucraina costituiscono un'unica famiglia, ma se le cose continueranno a non andare nel verso giusto, e se da parte della Uefa non arriverà nessuna proposta, allora ci potrà essere la possibilità che il comitato Uefa dovrà prendere un’altra decisione».