La comicità e le elezioni