inside cafébabel

Torino, la redazione del mese di cafébabel

Articolo pubblicato il 28 aprile 2015
Articolo pubblicato il 28 aprile 2015

La redazione di Torino è nata da poco, grazie all'impegno di uno degli ex editor della versione italiana di cafébabel. E dire che si è fatta notare no, non è abbastanza!

Se state cercando una redazione in grado di regalarvi un racconto multimediale di Torino, potete fermarvi qui: l'avete trovata! Stiamo parlando della neonata équipe di cafébabel Torino! Ma non perdiamoci in chiacchiere, qui vi aspetta la loro presentazione (pure in video) e un programma dettagliato di ciò che intendono offrirvi nei prossimi mesi. Enjoy!

Inside Cafébabel Torino

È arrivato il primo Oscar targato Cafébabel e, lasciatecelo dire, ce lo teniamo stretti! 

Com'è nata la redazione di Cafébabel Torino? In origine eravamo in 3 di fronte a una birra in uno dei tanti pub che si possono trovare in città. Poi, una volta lanciato il progetto sui social media, Veronica Tosetti è stata la prima a raggiungerci durante le riprese di un'intervista. Alla prima riunione editoriale, qualche settimana dopo, eravamo già una decina di persone a discutere, di fronte a un buon ragù, dei possibili articoli da inserire nelle diverse sezioni del magazine. 

Per capire chi siamo e come lavoriamo date un'occhiata al video qua sotto. Ma non perdiamo tempo! Ecco un'anteprima di quello che vi aspetta nei prossimi due mesi. 

Grazie a Veronica Tosetti, Simone Benazzo, Daniel Schwahn e Paolo Properzi, seguiremo le orme del fumettista Scott McCloud, del sopravvissuto Shin Dong Hyuk - ragazzo nato e cresciuto per 20 anni in un campo di concentramento della Corea del Nord - e di Michael Lafond, uno dei massimi esperti di Social Housing (nell'ambito dell'iniziativa ToBerlin della città di Torino).

Poi porteremo sugli schermi dei vostri computer l'aperitivo linguistico del Café Area di Torino, il rock duro e crudo dei Radio Moscow e la prima puntata di "Storie d'immigrazione", a cura di Simone Benazzo. Non saranno da meno il secondo appuntamento con "EconoMia" di Luca Cococcia, dedicato all'economia legata ai luoghi di culto religiosi, l'articolo di Vittoria Caron sui segreti della Mole Antonelliana e la prima cartolina di graphic journalism di cafébabel.com, a cura di Alessandro Cuttica

In ultimo, tempo permettendo, proveremo a portarvi al Torino Gay and Lesbian Film Festival (TGLFF), al Salone Internazionale del Libro e dietro alle quinte dell'attivismo civile dell'associazione La Terra del Fuoco, in Via Asti. Tutto questo avrebbe soltanto un valore marginale, se non avessimo la certezza di poter contare sulle traduzioni di Elodie Bossio, Elisa Pesce, Veronica Cesarco e Carolin Vorderstemann. Con loro, Torino salpa verso l'Europa

Come al solito, proveremo a farcire il tutto con gli scatti di qualità di Paolo Properzi e qualche videoclip. 

Cafébabel è un magazine dalle potenzialità straordinarie che ha bisogno di crescere attraverso redazioni locali di qualità: da Berlino, passando per Bruxelles, fino ad arrivare al network italiano con le punte di Firenze, NapoliPalermo, Torino Milano. Chiudiamo con un appello: networking, social e multimedia! Se ogni redazione locale potrà contare sull'appoggio delle altre in giro per l'Europa, se Parigi si porrà come campo base per l'elaborazione di strategie lungimiranti, se daremo più spazio a contenuti multimediali, allora arriveremo lontano. 

Per il resto, sotto con il lavoro: it's a long way to the top!

Se siete interessati a partecipare scrivete a torino.cafebabel@gmail.com!