inside cafébabel

Incontra il nostro editore inglese: Viral!

Articolo pubblicato il 14 febbraio 2015
Articolo pubblicato il 14 febbraio 2015

Ama la politica, il calcio, la birra e cantare al karaoke da ubriaco. Come la maggior parte degli inglesi, ha qualche limite linguistico, ma sta imparando il francese ed è anche molto cool. Benvenuto a cafébabel, Viral!

Viral è il nostro nuovo editore inglese! Direttamente da Croydon, a sud di Londra, ha 23 anni ed è appena arrivato a Parigi: sarà lui a gestire la versione inglese di cafébabel per i prossimi 8 mesi. Ha una laurea in Letteratura inglese e sta per finire un Master in giornalismo finanziario del programma Erasmus Mundus in Danimarca e nel Regno Unito. Un vero e proprio giramondo certificato. Viral ha vissuto in India con la speranza di fare il suo debutto bollywoodiano, ha assistito alle Olimpiadi nella riserva di Masai Mara in Kenya, è saltato su un volo Easyjet per girare l'Europa e infine on the road fino alla West Coast negli States.

Un fervido vegetariano anche un po' filosofo: «Il giornalismo è fondamentale in una democrazia e l'esplosione dei digital media farà sì che più persone siano coinvolte nei problemi ad essi correlati». Ansioso di  appropriarsi degli stereotipi tipici dei giornalisti inglesi, dove bazzica il sabato sera? Al bar, con un drink in mano. Tuttavia, prima che vi preoccupiate per le sue abitudini alcoliche, mi assicura che ama anche il cinema, le partite di calcio e leggere. Tutto sommato un giovanotto distinto.

Che cosa lo aspetta nella Ville lumière? Fino ad ora, la vita notturna della città lo ha corteggiato, così come il suo pratico sistema di trasporto pubblico. «Tenendo conto delle interessanti fragranze e dei musicisti di strada che salgono ad ogni fermata». Alla domanda su quali siano le sue aspettative su cafébabel, Viral ribatte con alcune scaltre risposte. «Rafforzare il network nel Regno Unito e nel resto d'Europa, imparare il francese e, soprattutto, convertire il maggior numero di persone a bere il té con latte e zucchero».

Chi è pronto a lanciarsi con Viral?