GnamGnam

Un pranzo polacco nel cuore di Parigi

Articolo pubblicato il 25 ottobre 2015
Articolo pubblicato il 25 ottobre 2015

La Jacky Association è nata per sostenere gli orfani polacchi e si finanzia in modo del tutto singolare: grazie ai proventi di una piccola bottega di prodotti tipici polacchi nel cuore di Parigi. I redattori di cafébabel li hanno provati e hanno espresso le loro opinioni.

Entrando nel piccolo alimentari in rue René Boulanger ho incontrato la proprietaria, sola dietro al bancone, e le ho chiesto di parlarmi della Jacky Association. Mi ha risposto divertita: «L'associazione è quello che vedi!». Sorridendo, mi ha spiegato che la gente porta qui gli oggetti che non usa più (capi di vestiario, giocattoli, coperte...), lei li esamina e li spedisce appena può agli orfani polacchi. Questa attività comporta tuttavia una serie di costi: dalle tasse associative, al trasporto del materiale, all'affitto del locale. Per questo, nel 2003, l'associazione ha deciso di aprire un negozio di "veri prodotti polacchi": tutti i generi alimentari presenti nel negozio sono importati direttamente dalla Polonia. Nulla di quello che si vende è prodotto in Francia

Non trascorriamo molto tempo da sole: ben presto entrano nella bottega due signore che parlano polacco e che vogliono fare acquisti. A seguire, fanno il loro ingresso un francese che acquista un chilo di salsiccia, e una donna, anche lei francese, che sembra essere una cliente abituale. Oggi, però, non è qui per i famosi biscotti, ma per un formaggio biologico. La titolare dell'esercizio mi spiega che, tra i suoi clienti, non ci sono soltanto polacchi, ma anche molti francesi, che frequentano il negozio «per la sua grande varietà di prodotti ecologici e senza glutine». 

Domando una selezione di prodotti tipici polacchi e mi ritrovo con una borsa colma di carne, pesce, formaggio e anche qualcosa di dolce. Rientrata in redazione, abbiamo assaggiato tutto.

1. Lardo di maiale con carne e cipolla

Con un nome del genere, certo non sembrerebbe molto appetibile. Si mangia spalmato sul pane. Katharina, la nostra editor tedesca, ci assicura che conosce quel prodotto perché esiste anche in Germania. Tuttavia, soltanto un paio di persone provano ad assaggiarlo. «No! Non lo mangio di sicuro!» dice Alice, responsabile dello sviluppo di cafébabel. La verità è che non è molto saporito e la confezione resta quasi intatta. 

«Ricordo che i miei nonni avevano sempre del lardo di maiale in casa e lo mangiavano spalmandolo sul pane con della cipolla. Immagino che all'epoca fosse normale. Oggi ha poco senso,» ammette Katharina.

2. Salsicce

Più simili a ciò che in Spagna chiamiamo chorizo o fuet (specialmente per il loro formato), sono state senza dubbio le regine della festa. Le due varietà di salumi che ho portato in redazione sono state davvero un trionfo (e, devo ammetterlo, hanno costituito la parte più consistente del mio pasto). Con il loro sapore leggermente affumicato, hanno conquistato tutti. 

«Ehi! Questo è davvero buono!» esclama Pierre, il nostro webmaster, dopo aver addentato il primo boccone. Con del pane, del formaggio e qualche cetriolino (più avanti scoprirete perché), non ne restano che alcuni pezzettini. Suppongo che spariranno a breve anche quelli. 

3. Formaggio affumicato

A prima vista si tratta di una pallina di formaggio avviluppata in una corda: stavolta assaggiamo tutti la specialità polacca. «È come un Babybel, ma affumicato,» è una delle prime impressioni, complice forse la consistenza un po' gommosa. A parte ciò, è decisamente gustoso: non siamo abituati a formaggi di questo tipo. Tuttavia passa piuttosto inosservato: nessun altro commenta ancora e tutti si dedicano agli altri prodotti sul tavolo. 

4. Cetriolini in salsa

«Noi li mangiamo con i salumi. Sono prodotti molto tipici,» mi aveva assicurato la signora della Jacky Association quando le avevo detto che non ero sicura se acquistarli o meno. Effettivamente, alcuni di noi iniziano a preparare dei bocconcini con la salsiccia. Altri li mangiano così, senza ricercare altre combinazioni. 

«Me li aspettavo più dolci,» commentano alquanto deluse Katharina (che si era emozionata vedendoli) e Émeline, la nostra responsabile della comunicazione. A quanto pare, sia in Germania sia in Francia, i cetriolini hanno un sapore più dolce.  

5. Pesce con cipolla e olio d'oliva

I francesi mi dicono che anche in Francia c'è qualcosa di simile, tuttavia non credo di aver mai visto in Spagna cose del genere. Contrariamente a quanto mi aspettassi, tutti vogliono provarlo: Pierre ha aperto la confezione e serve il pesce insieme a un pezzo di pane. «È davvero molto molto buono,» commenta Laura, project officer. Émeline è d'accordo con lei. A me, a dire il vero, non ha entusiasmato più di tanto.

6. Succo di mela e menta

Avevo chiesto alla commessa di mettere anche una bevanda tipica nella selezione dei prodotti: la sua scelta è ricaduta su questa bibita. Confezionata in una bottiglia di vetro molto hipster, a detta dei redattori, è nei fatti un succo di mela con un leggero sapore di menta. L'abbiamo lasciata tra le ultime cose da provare e non ha suscitato molti commenti, a parte il solito «non è male». 

7. Dessert di biscotti

Sono dei piccoli dolcetti, venduti al pezzo: ce ne sono di due tipi diversi. Credevo che quelli colorati, che sembravano avere della marmellata all'interno e un biscotto al cioccolato, fossero i più gettonati. Tuttavia Laura, guardandoli, mi dice che quelli non hanno per niente «un bell'aspetto».

Effettivamente i redattori si sbilanciano a favore dell'altro dessert, che assomiglia a delle nuvolette con dei granelli di caramello tra due biscotti di cioccolato. Anche se la consistenza gommosa della nuvoletta alla fine non ci convince del tutto. Su una cosa siamo d'accordo: entrambi sono decisamente troppo dolci.  

8. Caramelle

Questo prodotto suscitato un tenero «ooh...!» da parte della nostra redattrice polacca Pia, alla quale queste caramelle ricordano l'infanzia. Ognuno sceglie uno dei diversi gusti contenuti nel sacchetto, tutti ricoperti di cioccolato nero e con un cuore gommoso. Qualche caramella alla fine è avanzata, il sacchetto è sulla mia scrivania.