Firenze

Il ritorno del re della musica balcanica a Firenze: DJ Shantel all’Auditorium Flog

Articolo pubblicato il 14 aprile 2015
Articolo pubblicato il 14 aprile 2015

Non solo Boban Marković e Goran Bregović, ormai anche dj Shantel è fra i musicisti balcanici famosi. Ritmi favolosi e gente impazzita per le sonorità turche, serbe e zigane dei brani suonati da Shantel all'evento del 10 Aprile presso il Flog organizzato dal Middle East NOW e da Oxfam Firenze per sostenere il lavoro dell'associazione, che si occupa di profughi siriani in Libano e Giordania. 

L’Oxfam e il Middle East Now

Per quelli che non conoscono Oxfam International: è una delle più importanti confederazioni internazionali specializzata in aiuto umanitario e progetti di sviluppo. Tra i 17 enti organizzatori provenienti dai vari paesi troviamo anche l'Italia dal 2010: la costola italiana è nata a Firenze, che tutt'oggi rappresenta la sede principale nel paese. Oxfam Italia è stata creata dall’esperienza di Ucodep, un’organizzazione non governativa italiana che da più di 30 anni si occupava del miglioramento delle condizioni della povertà nel mondo.

Fra le tante attività dell'associazione, troviamo anche concerti, eventi sportivi, mostre e flash mob volti a sensibilizzare il pubblico sulle condizioni di vita dei profughi. Così il concerto di venerdì sera, attraverso la musica del Medio Oriente, ha cercato di far capire a più persone possibile la situazione critica di quei paesi. 

Il Festival Middle East Now è organizzato da un’altra associazione, la Map of Creation di Firenze, attiva nella produzione di film documentari e nella realizzazione di eventi culturali. Uno dei loro festival più famoso è appunto il Middle East Now organizzato una volta all’anno dal 2010. Si occupa di cinema, arte, fotografia e cultura contemporanea e per il momento si concentra sulle tematiche culturali, sociali e politiche del Medio oriente.

E finalmente Shantel si mette a suonare

Per l'edizione 2015 (dall’8 al 13 Aprile) si è tenuto anche il concerto di Shantel. Arrivando all’Auditorium Flog si notava subito una minore affluenza rispetto ad un altro evento in salsa balcanica, il Frikettonica Middle East Festival Party. In Italia è abbastanza conosciuto ancora il nome di Shantel. Stefan Hantel, produttore discografico e dj tedesco famoso per i suoi lavori con la Bucovina Club Orkestar e per i suoi remix di musica balcanica ed elettronica, è originario di Bucovina e questa influenza è evidente nelle sonorità delle sue canzoni.

La serata è iniziata con i Dre Love & the Band, gruppo misto di funk, soul e hiphop, accompagnati poi da The Narcicyst con pezzi di freestyle rap iracheno. Questo gruppo è infatti uno dei più noti dell'Arab hip hop internazionale. Fino all’una e mezza si può dire, senza esagerare, che tutti aspettavano (ballando) l’arrivo di Shantel che, anche senza il suo orkestar, si sapeva avrebbe regalato una serata indimenticabile.

Dopo le prime canzoni di DJ Shantel la pista ha cominciato a riempirsi, chi era rimasto fuori a chiacchierare è stato ipnotizzato dalla musica e non ha potuto fare a meno di rientrare per ballare. La famosa Disko, disko partizani ha concluso la serata, però le gente fin lì era molto paziente e entusiasta, anche se c’erano tanti che conoscevano solo questa canzone sua. I più tenaci non hanno smesso di scatenarsi nemmeno quando sono state accese le luce. Anzi. Dopo una zorba infinita Shantel si è seduto sul palco per fare foto con i suoi fan, continuando a mettere pezzi balcanici pazzeschi, nonostante la sicurezza chiedesse di spegnere la musica e andare tutti a casa!

È stata una festa frenetica, un vero balkan party, ma ho trovato molto inquietante la proiezione dei video durante il concerto: dei video sottotitolati che ritraevano i rifugiati siriani. Secondo me sarebbe stato meglio proiettare questi video nelle pause tra i concerti, oppure prima dell’evento per far comprendere a tutti quale era lo scopo della serata. Non mi è sembrato appropriato festeggiare con questi video messi come sottofondo, queste storie meritano attenzione, non vi si può dedicare solo uno sguardo distratto mentre ci si scatena in pista. In ogni caso i video erano ben fatti, l’unico problema era che a causa di un errore non si poteva leggere la seconda riga dei sottotitoli.

Gli amanti dei ritmi balcanici sicuramente si sono divertiti molto e speriamo che fra qualche mese Shantel ritorni a Firenze con il suo gruppo a suonare dal vivo. In ogni caso teniamo d'occhio le prossime serate in tema balcanico, garanzia di balli sfrenati fino al mattino! Il prossimo si terrà il 18 Aprile presso il Tasso Hostel, suoneranno i Baro Drom Orkestar e noi ci saremo di sicuro.