Cultura

You Tube: è tempo di viaggiare

Articolo pubblicato il 14 agosto 2008
Articolo pubblicato il 14 agosto 2008
Una galleria video di viaggi iniziati un po’ per caso e che sono diventati tendeza.

In passato documentavamo i nostri viaggi con la reflex oppure con una vecchia Canon. Oggi la diffusione delle macchine digitali mostra i suoi frutti in piccole opere, cioè in brevi filmati che volentieri pubblichiamo su YouTube. Il trend attuale ci invoglia ad esibire i nostri talenti, spesso sorprendenti, creando così una ben specifica “arte per l’arte”. 

Coca cola: viaggi e riciclaggi

“Can’s Professional” è un gruppo di cinque ragazzi che un giorno ha video-ripreso il lancio di lattine in un bidone della spazzatura. Vi sembra banale? Non per forza! Le loro abilità si avvicinano all’acrobazia e alla break-dance e sono performances di altissimo livello al ritmo di break-dance. Il loro visto, che ha avuto almeno due milioni di spettatori, ha suscitato l’interesse di Coca Cola, che ha deciso di sponsorizzare i ragazzi con un viaggio intorno al mondo – chiaramente muniti di lattine e di videocamera. L’idea si adatta bene alla nuova immagine dell’azienda che invita al riciclaggio delle lattine e al rispetto per l’ambiente.

Matt, ballare in quarantadue paesi

Quattordici mesi, quarantadue paesi e migliaia di comparse. A Matt evidentemente è piaciuto di più il ruolo del viaggiatore egocentrico. Anche se questo ballo è criticabile, bisogna riconoscere che ha conquistato i cuori di migliaia di persone: basta guardare le facce sorridenti dei partecipanti. Inoltre, allo spettatore indubbiamente impressiona anche il fatto che Matt ha avuto il coraggio di lasciare un lavoro noioso e monotono per poter girare il mondo.

Tretamila chilometri tra Russia e Cina

Un gruppo di alcuni studenti di Breslavia ha iniziato il suo viaggio con una citazione di Zbigniew Herbert: «Se parti per un viaggio, fai che sia un viaggio lungo …». In settantacinque giorni percorreranno trentatre mila chilometri attraverso la Russia e la Cina. In questo modo non solo vogliono conoscere delle culture a loro sconosciute, ma anche promuovere la loro città. Vengono accompagnati da uno gnomo di nome Życzliwek. Le fotografie con la sua immagine saranno esposte nella piazza di Breslavia a novembre. Tra i vari che hanno patrocinato la spedizione c’è, tra l’altro, l’esploratore Marek Kamiński.