Cultura

Ti ha dato di volta il cervello?

Articolo pubblicato il 15 ottobre 2008
Articolo pubblicato il 15 ottobre 2008
Non vi spaventate se sentite uno spagnolo affermare che prende parte per un bombardamento. Non ha intenzione di attaccare nessuno. È una persona attiva, e nulla più!

Durante la Seconda Guerra Mondiale, nelle prime incursioni sulla Germania, morivano tre bombardieri su quattro. Da qui arriva l’espressione spagnola “apuntarse a un bombardeo©Picón”, cioè prendere parte a un bombardamento. La si usa per riferirsi a quelli che dicono di sì a qualsiasi proposta senza rifletterci molto, sia che si tratti di andare al cinema o per aiutare un amico a fare il trasloco. In pratica, si tratta del britannico "I’m in©Nabeelah" o "Count me in©Nabeelah", quando ha intenzione di prendere parte a una (qualsiasi) iniziativa. I tedeschi chiameranno un tale soggetto "Jasager©Katha Kloss" (un “dico sì a tutto”).

Anche i francesi usano, allo stesso modo degli spagnoli, un’espressione bellica. Parlano, infatti, di “être sur le pied de guerre©Cedric Audinot” (essere sul piede di guerra), citando il genio Balzac, che fece diventare quest’espressione di moda nella sua epoca. Il significato potrebbe anche quello di “stare in prima linea”, cioè lo spagnolo “al pie del cañón”, a dire che si è dediti al lavoro. Da questo punto di vista Balzac era un campione: si dice che passasse quindici ore al giorno a scrivere. Che gli fosse "andato di volta il cervello"? .

Pazzi, come i personaggi di Qualcuno volò sul nido del cuculo. Ed erano gli esemplari di quest’uccello ciò che avevano nella testa gli internati del famoso psichiatra del film di Milos Forman. "Miec kuku na muniu", come direbbe un polacco. Ma d’altrone non c’è bisogno di essere pazzi per fare sciocchezze o eccentricità.