Cultura

Sundace Film Festival, Università del Sesso e E-migrazione. Dai babelblog

Articolo pubblicato il 31 gennaio 2008
Selezionato dalla redazione
Articolo pubblicato il 31 gennaio 2008
Il primo febbraio cafebabel.com compie 7 anni. Protagoniste dell'evento le redazioni locali. Con i loro blog.

Parigi continua ad essere il blog locale più visitato della galassia cafebabel.com, e questa settimana si è lanciato in un nuovo progetto: convertire il blog in una vetrina di informazione locale in cui trattare l'Europa in un'ottica francese. L'obiettivo? Europeizzare il dibattito politico d'Oltralpe. Parigi ci propone anche delle rubriche sull'agenda culturale della Ville Lumiere.

Sempre in tema del paese di Sarkozy e la “nostra” Carla Bruni, il blogger Eurobeauf (in francese), come al solito ci dà i suo punti di vista, sempre critico, sul populismo ipocrita del super Presidente francese. Facile criticare l'Europa quando i sondaggi, per il leader del centrodestra d'Oltralpe, sono in calo.

La Turchia sulle nostre monetine.

E sempre la politica va per la maggiore nei blog locali. Così, questa settimana, il babelblog Siviglia (in francese, inglese e spagnolo) si occupa del piano di Bologna per la riforma universitaria in Europa: al menu, critiche verso l’elitismo del nuovo sistema universitario e rischio che l’università si sottometta agli interessi delle grandi multinazionali.

Da Tallin (in inglese), capitale di quell'Estonia da poco nell’area Schengen, ci arrivano i racconti di chi, dentro la zona di libera circolazione, non sa più dove andare.

Se proprio non sai dove andare prova con il volontariato in Kosovo: il babelblog di Pristina ti spiega come fare. Perché no? Bruxelles, invece, ci racconta della delusione causata da un incontro pubblico con la mitica Simone Veil, storica lottatrice per i diritti delle donne, convertita oggi in reazionaria permalosa.

Ma Obama è davvero nero?

Per seguire il dibattito sulla figura di Hrant Dink, il giornalista turco di origine armena ucciso nel gennaio 2007 andiamo a Istanbul (babelblog in inglese e turco). Ma parlando di Turchia, Eurogeneration ci informa di un battibecco tra la Commissione europea e il Consiglio dei ministri: la prima vorrebbe lasciare il paese anatolico sulle cartine presenti sulle monete degli euro, mentre la seconda lo sta cancellando. Per saperne di più clicca qui.

L'aspirante presidente degli Usa, Barak Obama, è nero o bianco? Nessuno dei due. Ci corregge Kaczyski's world (in inglese). Che commenta anche l'ipotesi che è stata ventilata da più parti, di Tony Blair come presidente dell'Ue. A favore o contro?

Tasse per chi parla inglese

Eurogeneration racconta inoltre una storia di e-migrazione mancata: come è cambiato il concetto di migrante in trent'anni? Skype, voli low cost e internet rendono le frontiere più vicine. Non per Massimo, pizzaiolo a Parigi dal 1970 per il quale, come per tanti immigrati, il tempo si è fermato.

E in tema di società la nostra blogosfera è la prima a evidenziare cuoriosità: se non immaginavate che potesse esistere una università del sesso, è perché conoscete quella di Madrid di cui parla il blog Eurotik.

Fresco fresco, poi, il blog Ilike : video assurdi, strani, insomma, da vedere.

Da Vilnius ci stiamo domandando che diavolo si deve fare nella Giornata Mondiale della Religione: forse salvare gli angeli? Ciò da cui nessuno ci può salvare al momento è lo sciovinismo radiofonico in Europa, di cui Lione ci informa dettagliatamente.

Politiche linguistiche? Pare che il governo italiano (quale?, ndr) stia pensando di obbligare i dottorandi a parlare inglese. Ce lo racconta Michele Gazzola, il quale propone inoltre una tassa per i paesi di lingua inglese che sarebbero troppo avvantaggiati nella globalizzazione.

I blog al cinema

Guardiamo cosa succede nel resto del mondo. Il cinema va forte al Sundance con un film ambientato a Bruges, anche se c’è chi si lamenta perchè sta diventando commerciale. Qualcuno si aspettava altro da Robert Redford? È che il selvaggio West non è più quel che era un tempo. Ora, per fare scoperte intense bisogna dirigersi a est. In Ucraina per esempio, dove vanno questa settimana i nostri babelreporter in un progetto giornalistico di cafebabel.com. O nell’estremo oriente, in Cina, dove nonostante i Giochi Olimpici della prossima estate, non impediscono al governo di continuare con le dentenzioni politiche, secondo le informazioni che ci arrivano da Strasburgo .

Ora guarda i paradossi del nostro pianeta con la fotogalleria delle inondazioni a Dubai. Poi, due passi, ma senza sentir freddo, a Stoccolma.

Non dimenticare che inauguriamo dei blog tutte le settimane e che, se credi nel giornalismo partecipativo europeo, ne puoi creare uno anche tu. Clicca qui!.

Foto: 1- Barack Obama/ Flickr; 2- José Miguel Serrano/Flickr; 3- Beneath_B1ue_Skies/ Flickr