Cultura

Scoop, l'ultimo delizioso Woody Allen

Articolo pubblicato il 01 novembre 2006
Articolo pubblicato il 01 novembre 2006
Un’innocente Scarlett Johansson e il ritratto impietoso dell’aristocrazia inglese gli ingredienti dell’ultimo film del regista. Lontano da New York.

Londra, l'alta società, Scarlett Johansson. Ecco i tre ingredienti di Match point, film di Woody Allen del 2005. Un mix memorabile che ritorna a materializzarsi in Scoop, la sua nuova creatura. Vuol dire allora che il genio di Manhattan patisce una crisi di ispirazione all’alba del nuovo millennio? Niente di tutto questo. Scoop è un film leggero e divertente, un’opera che ha in comune con Match Point solo l’ambientazione e l’attrice protagonista.

La storia comincia con un’apparizione. Il fantasma di un giornalista di successo che, mentre si dirige in purgatorio, riceverà l’ultima esclusiva: l’identità del serial killer che terrorizza i londinesi e riempie le pagine dei giornali inglesi. Testardo perfino post mortem, il reporter apparirà ad un’innocente studentessa di giornalismo (Scarlett Johansson) per rivelarle il segreto…

Questo non è il primo film di Woody Allen in cui sono presenti nella narrazione elementi fantastici. Già da tempo il regista usa personaggi irreali per complicare ulteriormente le già intricate relazioni umane al centro dei suoi film. Ricordiamo, ad esempio, La Rosa Purpurea del Cairo (1985). Dove un personaggio tornava in vita e usciva dallo schermo del cinema. Oppure Amore e guerra (1975), dove la figura della morte, armata di un coltello, perseguitava i protagonisti.

Humour intelligente

Ma volendo paragonare un film a Scoop sceglieremmo Misterioso omicidio a Manhattan, commedia brillante del 1993, in cui non c’è posto per la fantasia. Scoop ha in comune con il film dei primi anni Novanta il ritmo incalzante e il tono della commedia leggera. Oltre naturalmente all’apparizione dello stesso Allen come attore che, per l’ennesima volta, recita il suo classico ruolo di scettico, logorroico e paranoico.

La differenza principale risiede nella qualità dei due film. Se Misterioso omicidio a Manhattan è la classica commedia moderna con dialoghi brillanti e un finale memorabile, Scoop non è niente più che un gradevole filmetto che fa trascorrere novanta minuti di risate. Una delusione per quelli che cercavano nell’ultima opera alleniana un film all’altezza di Match Point. Che però ha il pregio di far ridere quelli che si sono divertiti davanti a commedie leggere e di suspense quali La maledizione dello scorpione di giada (2001) e Anything else (2003).

Non solo aristocrazia londinese

Una delle caratteristiche che attraggono il pubblico europeo del regista ebreo è l’ambientazione: l’Inghilterra, più precisamente Londra. Anche se è difficile crederlo, Allen prima aveva girato film quasi sempre nel suo quartiere, eccezion fatta per Tutti dicono I love you, dove a New York si aggiungevano anche Parigi e Venezia. Ma da Match Point il regista newyorchese sembra avere voglia di riprendere tutta l’Europa. E così mentre il regista sta montando un’altra commedia girata a Londra la scorsa estate, con Collin Farrell e Ewan McGregor, la sua voglia di Europa non si fermerà alla capitale inglese: Woody ha infatti annunciato che i suoi prossimi film saranno a Londra e Barcellona. E che ha già preso contatto con Penélope Cruz per renderla protagonista di quest’ultimo.

Con Scoop si torna a Londra, ma la telecamera insegue anche le splendide proprietà dei ricchi britannici, dove vengono girate scene immerse nella natura: un’ambientazione, questa, praticamente inedita nella sua filmografia.

Ma gli aristocratici inglesi non sono per Woody molto diversi dagli americani: gli uni e gli altri sono diversi solo per carattere, accento e hobby. Sappiamo che Allen ha una certa simpatia per l’Europa, ma molti dei personaggi che vivono in Scoop e in Match Point sono ipocriti e cinici proprio come quelli dei film ambientati in America. A questo punto è difficile che Allen muti il suo disincanto degli esseri umani: anche se la protagonista è un’innocente e imbranata Scarlett Johansson, ruolo inedito per questa versatile attrice.

LA SCHEDA DI SCOOP

Titolo: Scoop (2006) presentato ufficialmente al Festival del Cinema di Sitges in Catalogna

Regia: Woody Allen

Casting: Hugh Jackman (Peter Lyman), Scarlett Johansson (Sondra Pransky)

Genere: Comedy

Nazione: Stati Uniti d'America / Gran Bretagna

Distribuzione: Medusa

Durata: 96'

Uscita in Italia: 6 ottobre 2006

Uscite in Europa: Francia e Belgio 1° novembre, Germania 16 novembre, Spagna 27 ottobre