Cultura

Sarajevo: la cultura dimenticata in Bosnia Erzegovina

Articolo pubblicato il 22 dicembre 2015
Articolo pubblicato il 22 dicembre 2015

Dopo tre anni di inattività, riaprono le porte del Museo nazionale della Bosnia Erzegovina, una delle più importanti istituzioni culturali del Paese. Malgrado questo risultato abbia rappresentato una vittoria della società civile e della cultura sulla burocrazia, i problemi giuridici e finanziari di questo istituto – che risale a 127 anni fa – sono tutt'altro che risolti.

A metà settembre del 2015, i dipendenti del Museo e i cittadini sarajevesi hanno orgogliosamente infranto le assi legno che sprangavano l'ingresso del Museo nazionale della Bosnia Erzegovina. Tuttavia, dopo una chiusura "forzata" durata 3 anni e la rimozione dell'insegna "Zatvoreno" (chiuso, n.d.r.) affissa sul portone, la battaglia per tenere aperto il museo può dirsi appena iniziata.Il risultato ottenuto a settembre è il frutto di un lavoro coordinato a livello politico, diplomatico e sociale. Un gruppo di attivisti ha coniato l'hashtag  #JaSamMuzej (io sono il museo, n.d.r.) che è riuscito a catturare l'attenzione della cittadinanza, di personaggi pubblici e dei media. Un lavoro concertato su tutti i fronti durante l’estate 2015, anche grazie alla predisposizione di un modello di finanziamento fino al 2018.

«In ogni caso, questa è solo una soluzione temporanea perché non offre nessuna riposta riguardo lo status legale del Museo,» spiega Ines Tanović, membro dell’associazione di cittadini Akcija Sarajevo. «Il Museo legalmente è un'istituzione pubblica. Ma un'entità sub-statale dello Stato bosniaco, la Republika Srpska di Bosnia Erzegovina, non è disposta a convalidare definitivamente lo status del Museo come istituzione statale. Ci sono altri sei istituti culturali che si trovano nel medesimo limbo legale. Si afferma che secondo gli accordi di Dayton del 1995 (che posero fine alla guerra nei Balcani) la cultura non rientrerebbe sotto la giurisdizione statale, bensì sarebbe di competenza dei singoli cantoni (in cui è divisa una parte della Bosnia Erzegovina, n.d.r.)».

Un museo di dipendenti coraggiosi, ma con pochi soldi

Mi avvicino alla signora che vende i biglietti d'ingresso al complesso museale, costituito da quattro edifici in stile austro-ungarico, il primo della regione ad essere costruito con l'obiettivo espresso di diventare un museo. A due settimane dalla riapertura, mi spiega, più di 2.000 visitatori sono venuti a vedere la collezione, che va dall'archeologia all'etnologia fino alle scienze naturali. Il Museo comprende anche un giardino botanico e un prezioso manoscritto: l'Haggadah di Sarajevo di origine sefardita, un manufatto risalente al Medioevo e fondamentale per la cultura ebraica.

Durante il periodo in cui il Museo è stato dimenticato e abbandonato, circa 40 dipendenti si sono offerti volontariamente di prendersi cura della collezione. «Siamo andati a lavorare solo perché ci sentivamo responsabili verso i beni che ci è stato chiesto di custodire. Ci sono più di 4 milioni di oggetti e manufatti. Sebbene siamo in tempo di pace, il Museo e la sua collezione sono stati trattati peggio di quando c'era la guerra,» dice Ana Marić, curatrice delle sezioni "Prima età del ferro" e "Numismatica" del Dipartimento di archeologia. L'associazione Akcija Sarajevo, insieme al fotografo Ziyah Gafić, ha organizzato una mostra (da cui è stato tratto un libro) sui Guardiani del Museo.

Quando si entra nel vecchio edificio color ocra sulla zmaja od Bosne, si è accolti dal silenzio. Un silenzio reso ancora più assordante – e indifferente – dai tre anni di inattività e dagli scarsi finanziamenti che il Museo tuttora riceve. Sembra quasi che niente sia cambiato o sia stato spostato dagli anni Ottanta. Non ci sono tavoli interattivi, nessun gioco per i bambini, nessun schermo appariscente o luci ad effetto. Solo vecchi animali imbalsamati dietro teche di vetro sottile o tavole del secolo scorso posizionate a terra.

Qualche piccolo passo in avanti 

Alcuni degli edifici che rappresentano l'orgoglio nazionale (sì, ma quale "Nazione"?, viene spontaneo chiedersi, in un Paese tripartito in tre gruppi etnico-nazionali) stanno vivendo dei momenti nettamente migliori in confronto al Museo. Lo scorso anno la Viječnica ha riaperto i battenti: il restauro dell'antico municipio, poi divenuto biblioteca nel 1947, è stato finalmente terminato e l'edificio può tornare al suo originale splendore, dopo che nel 1992, durante la guerra, fu incendiato dai cetnici serbo-bosniaci. L'Arciduca Francesco Ferdinando della dinastia asburgica visitò la Viječnica il 28 giugno 1914, proprio nell'arco di tempo intercorso tra i due tentativi di assassinio: il primo fallì, il secondo notoriamente passò alla storia. Poco dopo aver lasciato l'antico municipio in stile moresco, l'erede al trono austro-ungarico fu ucciso da Gavrilo Princip e l'episodio innescò la Prima Guerra mondiale.

Prima dell'ultimo grande incendio durante la guerra degli anni Novanta, la Vječnica ha ospitato la Biblioteca nazionale e universitaria della Bosnia Erzegovina. Più del 70% dei documenti e del patrimonio librario andarono perduti. Adesso l'edificio restaurato ospita un nuovo museo e una nuova biblioteca aperti al pubblico, mentre una parte è tornata alla municipalità di Sarajevo, che vi ha installato alcuni uffici comunali e delle sale per riunioni.

Nel 2014 un altro tentativo di ricostruzione si è completato con successo. Anche la Biblioteca Gazi Husrev-bey, che risale al 1537, ha riaperto le sue porte. Durante l'assedio di Sarajevo, dal 1992 al 1996, il suo tesoro era stato distribuito in vari luoghi della città. Il sito ufficiale oggi riporta: «La Biblioteca Gazi Husrev-bey attualmente ospita 100.000 opere (manoscritti, libri stampati, periodici e diversi documenti d'archivio) in arabo, iraniano, bosniaco e in altre lingue europee». Tuttavia, lo sforzo per la sua ricostruzione è stato reso possibile grazie ad una cospicua donazione proveniente dal Qatar. Forse c'è ancora qualche speranza per il Museo nazionale.