Cultura

Moodoïd: un passaporto per le stelle

Articolo pubblicato il 06 settembre 2014
Articolo pubblicato il 06 settembre 2014

Camminando per le vie di Parigi, siamo così immersi da ciò che ci circonda che quasi ci dimentichiamo di alzare gli occhi al cielo per ammirare le stelle. Eppure, basterebbe chiudere gli occhi sulle note di Le Monde Möö dei Moodoid per volare verso la Luna.

Sognatore e romantico: così si definisce il gruppo parigino Moodoïd. Due aggettivi che ben si adattano all'atmosfera della capitale dell'Amore per eccellenza: Parigi. Grazie a una poesia che emoziona, una musica potente e delicata al tempo stesso, i Moodoïd provano a trasportare con la mente gli amanti della musica verso un mondo fantascientifico.

All'inizio, Pablo Padovani, il cantante del gruppo, suona nei Melody’s Echo Chamber, gruppo composto da una cantante e da alcuni ragazzi che suona un pop psichedelico alla francese. Dopo una breve pausa, il giovane Padovani desidera realizzare un sogno nel cassetto: i Moodoïd. Le loro canzoni parlano di sentimenti, d'amore e di luna. I videoclip evocano invece suoni orientali e atmosfere surrealiste.

Moodoïd - La Lune

Non volendo replicare l'esperienza di un gruppo a maggioranza maschile, Pablo si circonda di tre musiciste per dare alle sue canzoni quel tocco di dolcezza tanto ricercato. Nel 2013, grazie al supporto di Kevin Parker dei Tame Impala e produttore dei Melody’s Echo Chamber, l’EP Moodoïd viene finalmente pubblicato. 

Il disco, registrato inizialmente a casa di un suo amico, viene anche replicato in studio. Pablo coglie l'occasione per provare tutti gli strumenti a sua disposizione, chiama a raccolta una schiera di cantanti e musicisti. Unico problema: incide più di duecento tracce musicali. Troppe. Dopo qualche giorno di lavoro, il disco vede la luce. L'universo musicale Moodoïd viene raccontato al vasto pubblico.

Oggi, a distanza di 11 mesi, è nato un nuovo disco: Le Monde Möö. Dopo un cd eponimo, Moodoïd fa scoprire al suo pubblico il proprio universo. In collaborazione con Nicolas Vernhes - un produttore discografico di New-York - il gruppo francese si presenta con una musica più matura e un'identità più solida. Con dieci nuovi pezzi, più del doppio rispetto a quelli contenuti nel precedente album, il quartetto suona canzoni piene di ritmo e dolcezza. Il progetto di Pablo Padovani ha finalmente spiccato il volo. Saranno più che felici i suoi fans che aspettano, con i piedi per terra, la sua prossima apparizione sul palcoscenico.

Ascoltare : Moodoïd - Le Monde Möö

Vedere : il 12 novembre al Casino di Parigi (festival Les Inrocks)