Cultura

Mai-Li Bernard: "Le donne sono mal rappresentate nel mondo del fumetto"

Articolo pubblicato il 01 febbraio 2016
Articolo pubblicato il 01 febbraio 2016

Nel paese di Mai-Li Bernard, il silenzio è d'oro e il vino stordisce. Mortelle Vinasse, selezionato all'ultimo festival del fumetto di Angoulême, interpreta la crisi sentimentale di tre amiche alle prese con i rispettivi compagni. Ubriache fradice, elaborano ingegnosi piani per eliminare i loro congiunti. Abbiamo intervistato questa fumettista dallo humour nero e sottile.

cafébabelCome è nato Mortelle Vinasse (letteralmente: vino mortale, pessimo, n.d.t.)? 

Mai-Li Bernard: Qualche anno fa, ho concepito una versione breve di questa storia per degli amici. Le strisce dovevano essere pubblicate in una rivista collettiva che alla fine non è mai stata data alle stampe. Qualche tempo dopo, le ho riprese in mano e le ho sviluppata. È così che è nato Mortelle Vinasse. Sono partita dall'idea di una serie di omicidi dove gli assassini si interscambiano tra loro. L'ho trovato un argomento divertente, che facevo eco a diversi riferimenti che ho potuto rintracciare nel cinema.

cafébabel: Di cosa parla Mortelle Vinasse, e che ci puoi dire del ruolo centrale che il vino ha in questa storia? 

Mai-Li Bernard: Il vino è il filo conduttore. Le tre donne protagoniste si ubriacano dall'inizio alla fine del libro. Affogano i loro dispiaceri nell'alcol. Ai loro occhi, le difficoltà che devono affrontare sono legate ai rispettivi compagni e così decidono di eliminarli. In realtà, questo non risolve certo i loro problemi.

In qualche modo, ci si riferisce alla dipendenza, ma ho voluto soprattutto evocare la situazione di depressione in cui ci si trova quando si sta con qualcuno che amiamo e non riusciamo a lasciare, anche se dovremmo farlo perché siamo infelici. Io racconto delle storie che si nutrono di esperienze personali, ma non sono storie autobiografiche. In Mortelle Vinasse, le soluzioni pensate dalle tre eroine sono radicali. Ho iniettato dello humour nero e mi sono divertita spingere questa situazione all'estremo. Per me questo è un modo indiretto di parlare di cose che mi riguardano, mantenendo tuttavia una certa leggerezza.

cafébabel: Mortelle Vinasse è un fumetto muto. Perché questa particolare scelta di un racconto senza testo?

Mai-Li Bernard: Non mi sento troppo a mio agio con le parole. Ma, paradossalmente, nutro un forte interesse per gli strumenti linguistici e tutto ciò che riguarda i meccanismi del linguaggio. Ecco perché amo lavorare con fumetti senza testo. Il tema della mia tesi magistrale, d'altronde, era proprio sui processi di lettura dei fumetti muti.

Nel mio modo di lavorare, sono obbligata a superare questa assenza di testo. In realtà c'è un sacco di dialogo nei miei fumetti, che, in ultima analisi, sono molto loquaci. Io uso un linguaggio molto minimale, semi-autonomo, che si avvicina al pittogramma. Il lettore è chiamato ad analizzare le immagini. Ho costruito la storia perché alla prima lettura possa fornire tutte le informazioni. Volevo qualcosa di ludico, che richiedesse una lettura partecipata.

Nel mio primo libro, Pigmentation d’un discours amoureux (pigmentazione di un discorso amoroson.d.t.) i personaggi si esprimono solo con delle macchie colorate. È un gioco di dialogo, retorico, fatto di combinazioni di colori.

cafébabel: Quali sono le tue influenze e a quale scuola ti senti più vicina?

Mai-Li Bernard: Sono stata influenzata da alcuni illustratori dell'inizio del Novecento, che hanno pubblicato quasi esclusivamente fumetti muti, come Otto Soglow, degli anni '30. Tra i fumettisti contemporanei, direi che Nicolas Mahler della (casa editrice francese, n.d.t.L'Association è un'altra fonte di ispirazione.

Qualsiasi autore appartiene più o meno ad una famiglia, una scuola. Personalmente, penso di essere più vicina agli autori che partecipano alla OuBaPo (Ouvroir de bande dessinée potentielle, officina di fumetto potenziale, n.d.t.) e che lavorano secondo certi vincoli. È l'equivalente di OuLiPo (Ouvroir de litterature potentielle, officina di letteratura potenziale, n.d.t.) in letteratura, creato negli anni '60 da Raymond Queneau e François Le Lyonnais.

cafébabel: Tu stessa sei membro del collettivo di autrici di fumetti contro il sessismo. Qual è stata la tua reazione quando, quest'anno, il Festival internazionale del fumetto di Angoulême ha pubblicato i 30 nomi in lizza per il "Grand Prix 2016" (il riconoscimento alla carriera) e non c'era nemmeno un'autrice donna?

Mai-Li Bernard: Quando il collettivo è stato creato, ho subito firmato questa carta contro il sessismo. Penso che l'iniziativa sia lodevole. Le donne sono mal rappresentate nel mondo del fumetto e nel campo culturale in generale. Per quanto riguarda la lista dei candidati al Grand Prix del Festival di Angoulême, sono rimasta sorpresa nel vedere che nessuna donna era stato nominata: gli anni scorsi ce n'era almeno una. Questo solleva degli interrogativi sul ruolo che hanno le donne nel mondo del fumetto.

Da parte mia, devo ammettere che non possiedo l'oggettività necessaria per parlarne. Quello che so è che voglio essere riconosciuta per un lavoro che non ritengo legato ad un sesso piuttosto che ad un altro, soprattutto quando riguarda la mia relazione con il pubblico in questione.

_

Da leggere: Mortelle Vinesse (The Hoochie Coochie, 2015).

_

Pubblicato dalla redazione locale La Parisienne de cafébabel.