Cultura

Harry Potter e i copyright della morte

Articolo pubblicato il 23 ottobre 2007
Articolo pubblicato il 23 ottobre 2007
In arrivo la versione francese e tedesca dell'ultimo Harry Potter. Ma traduzioni pirata erano già disponibili a luglio, dopo l'uscita dell’originale inglese.

La versione inglese di Harry Potter e i doni della morte è stata pubblicata il 21 luglio 2007, mentre i lettori francesi e tedeschi devono aspettare la fine di ottobre per l’edizione nella loro lingua. Il famoso romanzo di J.K.Rowling, che verrà pubblicato nel gennaio 2008 anche in Italia, è protetto da copyright internazionale, il che significa che è illegale riprodurre il testo senza il permesso di chi possiede il copyright. Come è illegale anche produrre un' opera derivata, ovvero un’opera artistica sostanzialmente basata su un’altra, come una traduzione, a meno che non si abbia il permesso riconosciuto dal possessore del copyright.

Come diventare pirata

Alcuni traduttori fanno profitti pubblicando immediatamente traduzioni pirata in reti peer-to-peer come Kazaa o BitTorrent, scaricabili in meno di tre minuti. I soldi arrivano dagli spazi pubblicitari che altri pagano nei loro siti. Gli editori britannici Bloomsbury e i loro avvocati stanno facendo il possibile per rintracciare velocemente tutte le traduzioni illegali e cancellarle.

In Germania, intanto, è nata la web-community di traduzione “Harry auf Deutsch” (Harry in Tedesco) a cura dei fan del maghetto. Una rete nella quale si trovano anche individui notevoli, come un sedicenne francese di Aix-en-Provence che il 4 agosto 2007 è riuscito a tradurre tutte le 759 pagine di Harry Potter e i doni della morte a pochi giorni dall’uscita dell'originale. Tradurre un libro per uso personale non è un crimine, ma condividerlo on line lo è. I fan di Potter evidentemente non ce la fanno ad aspettare così a lungo per scoprire se Voldemort, il cattivo della storia, riuscirà ad eliminare il giovane protagonista oppure no.

La tendenza a tradurre febbrilmente i libri su Potter appena pubblicati è una “sindrome da party della porta accanto”, secondo l' articolo del blogger bodo sulla traduzione illegale ungherese del libro. «Internet ha creato una sfera mediatica globale sincronizzata. Gli sforzi di marketing da diversi milioni di dollari in un mercato si riversano in altri mercati e creano una domanda dove non è ancora disponibile l’offerta».

Cavalieri Copy

La tecnologia aiuta a rintracciare i pirati. «Istruiamo i server di FreeTranslation.com a creare registri di “parole non trovate” – parole che non sono riconosciute dalla tecnologia per la traduzione», dice Jay Marciano, direttore di Machine Translation Development (Sviluppo di macchine per la traduzione), in un blog a proposito della procedura automatica del suo server per trovare traduzioni illegali di Harry Potter. «Se parole come “Hermione” (la protagonista del libro), “Albus Silente” (il mago buono preside della scuola) o “Voldemort” (l’acerrimo nemico di Harry), appaiono con una certa frequenza nei nostri registri, possiamo avanzare un’ipotesi ragionevole sul contenuto che si sta traducendo.

L’armata di agenzie che lottano contro i falsi avvertono anche gli editori quando trovano materiali che sembrano violare i diritti dell’editore stesso. Gli avvocati usano mezzi legali per bloccare i siti, un processo che dura di solito da due a tre giorni. Ovviamente, queste variazioni dipendono dalla volontà di collaborare di alcuni proprietari dei siti.

HARRY E LA COMUNITÀ DEI TRADUTTORI

Nel 2000 Bernd Koeleman e sua figlia hanno creato in Germania Harry-auf-Deutsch (Harry in tedesco). Chi si iscrive riceve 2 pagine e mezza di testo e invia la traduzione a Harry-auf-Deutsch. Altri partecipanti correggono le bozze. Il copyright è assolutamente tutelato: la partecipazione è riservata solo a chi possiede il testo originale. Il download finale è previsto solo per le traduzioni accettabili. Inoltre è stato raccolto anche un ampio lessico sulla "potterologia". Collettivamente sono state realizzate le traduzioni degli ultimi tre libri (il 5, 6 e 7). Nel frattempo i pedagoghi considerano questo progetto come un "nuovo capitolo nella cultura della lettura e dell’insegnamento digitale".

La fase di traduzione è durata 6 settimane, una traduzione flash è arrivata dopo 48 ore. Quanto è durato tutto il percorso?

Complessivamente la fase preparatoria è durata circa 4 mesi.

Chi partecipa a Harry-auf-Deutsch?

Con i suoi ottomila partecipanti, la comunità è molto variegata. I partecipanti hanno un’età compresa tra i 12 e i 50 anni e appartengono a tutte le categorie professionali. Nel forum c'è anche un thread di presentazione. Quello che unisce tutti è l’entusiasmo per i testi di J.K. Rowling. In base al numero dei messaggi vengono assegnati gli incarichi.

La conclusione della saga sancisce anche la fine di Harry-auf-Deutsch?

No, inizialmente tradurremo testi di finzione americani e poi in collaborazione con le case editrici inglesi qualcosa di simile dal punto di vista tematico.

Traduzione di Daniela Mazzella

Foto: nel box (Foto Carlsen Verlag GmbH 2007), in homepage (Foto C4Chaos/ Flickr)