Cultura

Due di picche & asso di bastoni

Articolo pubblicato il 24 gennaio 2008
Articolo pubblicato il 24 gennaio 2008

Per i delusi da Cupido le lingue europee non sono per niente tenere. Già in italiano, le espressioni "prendere un palo" o un "due di picche" dimostrano che, quando si tratta di Amore o di Fato, è dura riportar vittoria. Gli spagnoli parlano invece di prendere un uno de bastos, un asso di bastoni, carta poco redditizia nei loro giochi o di ricevere zucche, recibir calabazas.

In inglese nella migliore delle ipotesi all'amante rifiutato si volteranno le spalle (to give the cold shoulder), nella peggiore, invece, lo stolto presuntuoso si sentirà seccamente respingere (to give somebody the brush off). Con la spazzola.

In Francia è ancora peggio perché si rischia di prendere un rastrello, prendre un rateau.

In Polonia, allo sfortuna sarà servita... una zuppa nera. Scoprirà poi che si tratta di un piatto nazionale a base di sangue di anatra (czuje sic jakbym dostal czarna polewke). Sempre in Polonia (dàc komus kosza) così come in Germania (einen Korb bekommen) al poveretto si dà un cesto. In riferimento a una vecchia, vecchissima pratica.

Nel Medioevo, infatti, si soleva rappresentare l'accettazione di una domanda di matrimonio con la salita del pretendente in una cesta fino al balcone dell'amata. Quando la richiesta però non era esaudita, la sposa dava un cestino senza fondo. Col tempo questo dettaglio è stato dimenticato e il contenitore di vimini è divenuto simbolo del rifiuto amoroso.