Cultura

A ottobre sing, sing, sing

Articolo pubblicato il 01 ottobre 2007
Articolo pubblicato il 01 ottobre 2007
L’autunno musicale europeo si preannuncia più che mai effervescente. Tornano Vanessa Paradis e The cult. Da non perdere il rock romantico di Xabel Vegas. E la tournée dei Travis.

Vanessa Paradis: Divinidylle

Lolita, un delizioso spazietto tra i denti e Johnny Depp: non vi ricordano niente? Ovviamente sono associazioni di idee che portano dritto dritto a Vanessa Paradis. A torto. È ormai superata l’immagine della fatina che nel 1988 con voce da bambinetta canticchiava nel microfono Joe le Taxi, facendo girare la testa ai più grandi. Grazie al suo ultimo album intitolato Divinidylle, Vanessa Paradis conferma la sua grande capacità di sorprendere. Aiutata dai suoi amici, fra i quali spicca la personalità del cantante francese “M”, la Paradis pubblica un’opera artistica in cui innocenza e soavità vanno a braccetto con oscurità e universi misteriosi.

Uscite. Francia: in settembre. Europa: 26 ottobre 2007.

The Cult: Born into this

Gli amanti del rock saranno soddisfatti. The Cult, uno dei più memorabili gruppi inglesi degli anni Ottanta e Novanta, dà segni di vita. Dopo una stagionatura di più di vent’anni nei negozi di dischi e una lunga pausa creativa. Malgrado qualche scappatella in solitaria – Ian Astbury ha prestato la sua voce ai Doors al posto di Jim Morrison – e qualche disaccordo, alla fine i membri del gruppo si sono ritrovati e riprendono a cantare insieme.

L’album registrato in studio per la prima volta dopo sei anni, annuncia un ritorno alle origini. Finite le ispirazioni elettro-psichedeliche dei dischi precedenti, il gruppo è alla ricerca di suoni più grezzi e carichi di energia.

D’altronde il primo singolo Dirty little rockstar sembra fatto apposta per diventare una hit e potrebbe riportare in auge il gruppo rock, un po’ dimenticato negli ultimi tempi.

Uscite. Germania: 28 settembre 2007. Regno Unito, Francia, Spagna: 1° ottobre 2007 (Foto ©Roadrunner Records)

The Hives:The Black and White Album

Il titolo è già tutto un programma. E pare che per The Hives sia un’abitudine. Il loro precedente album portava come titolo il nome di un abominevole rettile preistorico. Per quanto riguarda The Black and White Album, si tratta di un chiaro riferimento alla divisa del gruppo. Una tenuta sempre estremamente curata, con impeccabili abiti neri col bordo bianco confezionati su misura. Sono al secondo album dopo aver cambiato casa di produzione, ma non hanno perso nulla della loro originalità e collaborano con produttori del calibro di Timbaland e Pharrell Williams. Tick Tick Boom, il primo singolo, è una vera bomba e c’è da scommettere che non avrà bisogno del sostegno della pubblicità di una nota marca di scarpe sportive per la quale è stato utilizzato. Poco dopo essere stato eletto “miglior gruppo live” da un’importante rivista americana di settore, il gruppo svedese organizza una tournée europea da non perdere per nessuna ragione. Prima data: 11 novembre ad Amburgo.

Uscite. Germania: 12 ottobre 2007. Europa: 15 ottobre 2007.

(Foto ©Universal)

Xabel Vegas y las Uvas de la Ira: Canciones sobre traiciones y mentiras

Xabel Vegas (Foto: ©Mushroompillow)

Xabel Vegas in Spagna non è uno sconosciuto: la sua lunga esperienza come batterista per il gruppo Jr e per il padrino dell’indie rock spagnolo Manta ray, gli è valsa una certa notorietà. Ma non ha nessuna intenzione di accontentarsi. Con il suo gruppo, Las Uvas de la Ira, non può più nascondersi dietro la batteria. Il suo posto è ormai al microfono. Dimenticato il “Gijon Sound” di un tempo, gli amplificatori di Xabel Vegas diffondono decisamente una nuova era, in cui l’avvenire non ha più tinte lugubri grazie a un sapiente mix di folk, rock e romanticismo in pieno stile falò sulla spiaggia. Prima dell’uscita prevista per l’inizio dell’anno prossimo di un album completo, cinque pezzi su un mini-cd ne danno un assaggino.

Uscita in Spagna: 8 ottobre 2007

Malajube: Trompe L’Œil

Malajube (Foto ©City Slang/Universal)

Nelle parole delle canzoni della formazione franco-canadese dei Malajube, il Diavolo, Dio, e tutto ciò che ci sta in mezzo, hanno una spazio preponderante. Comparso per la prima volta nel 2004 in Canada, la band dal nome insolito ha conquistato pubblico e critica, con premi a ripetizione. Il secondo album, Trompe L’Œil, disponibile in Europa da maggio, gli ha aperto le porte del vecchio continente, territorio che il gruppo vuole conquistare definitivamente col suo inclassificabile pop in salsa Montreal. È con questo spirito che percorrerà le strade francesi nel mese di ottobre. Prima tappa: Strasburgo il 12 ottobre.

Tutte le date dei concerti su www.malajube.com

Travis in tournée europea. Al ritmo di sing, sing, sing

Travis (Foto ©travisonline.com)

Gruppo che ha segnato come nessun altro della sua generazione il pop britannico, Travis può annoverare tra i suoi più grandi ammiratori personaggi illustri come Chris Martin, il cantante dei Coldplay. Frean Healy, poi, figura di riferimento del gruppo, è riuscito a trasmettere a un giocatore di calcio su due il virus del taglio di capelli “alla irochese” (tribù di indiani, ndr). Gli scozzesi che, in diciassette anni di carriera si sono continuamente rinnovati sul piano musicale, danno il via ad una tournée attraverso l’Europa dopo l’uscita del loro quinto album, The boy with no name. Faranno tappa in Spagna, Germania, Lussemburgo, Svizzera e Scandinavia. Il loro motto: For the love you bring don’t mean a thing unless you sing, sing, sing, sing. (L'amore che provi non significa niente se non canti, canti, canti...ndr).

Gli appuntamenti della tournée su www.travisonline.com