Berlino

Berlin Jukebox: Young Magic

Articolo pubblicato il 19 agosto 2014
Articolo pubblicato il 19 agosto 2014

Come descrivere la musica degli Young Magic? Provate a pensare a ritmi volanti, cimbali psichedelici e cieli nuvolosi, o a niente di tutto ciò. Quello che rende questa giovane band di New York così speciale sono i suoi suoni sfaccettati e sofisticati. Curiosi? Sintonizzatevi su Berlin Jukebox.

Forse New York è un posto magico, dopotutto. Per lo meno, sta dando vita ad alcune band davvero interessanti. Quando il musicista Isaac Emmanuel dall’Australia arriva a Brooklyn, ben presto inizia a seguire il suo impulso creativo. Nel 2010, dopo aver incontrato la cantante indonesiana-australiana Melati Malay, il suo progetto da singolo si trasforma in ciò che ora è Young Magic: come loro si definiscono, un’“unione sonica”, che vaga tra paesi, suoni e paesaggi musicali differenti. Nel 2012, dopo una serie di sette singoli, esce il loro primo album "Melt" per Carpark Records, e la band inizia un tour in America, Europa, Giappone e Australia. Nel febbraio del 2014 esce il secondo album, "Breathing Statues", registrato a New York e in Marocco, Francia, Australia, Islanda e Repubblica Ceca. Il nucleo stabile degli Young Magic è composto da Melati e Isaac, a cui si affiancano numerosi percussionisti con cui suonano e registrano. Attualmente la band sta girando l’Europa insieme al percussionista boliviano Daniel Alejandro Siles Mendoza.

Young Magic, "Sparkly", dall'album Melt (2012). 

Nel cuore veri cittadini del mondo e girovaghi musicali, gli Young Magic sono più che felici di passare per Berlino, quando il loro tour lo permette. Lunedì 4 agosto si sono esibiti alla Badeschiff, in uno spettacolo con un sole infiammato color ambra, dietro i magazzini lungo la Sprea. Cafèbabel ha incontrato Emmanuel per far luce sul loro mistero musicale.

CAFÉBABEL: YOUNG MAGIC, COSA C’E’ IN QUESTO NOME?

Speriamo che un nome possa prendere vita da solo con il tempo, e rivelare il suo significato letterale. Questo nome mi è apparso in un sogno anni fa, e non me ne sono più potuto liberare. 

Young Magic, "Fall In", dall'album Breathing Statues (2014).

CAFÉBABEL: QUAL E’ IL DETTAGLIO O L’INGREDIENTE CHE RENDE UNO SPETTACOLO UN GRANDE SPETTACOLO?

Nessun dettaglio, piuttosto è l’insieme di ogni elemento, che si articola in un tutt’uno. Il luogo, il pubblico, la qualità del suono e la disposizione d’animo. Spesso non ti rendi conto di dove sei finché lo show non è finito... e di solito questo è un buon segno.

CAFÉBABEL: COSA VIENE PRIMA, LA MUSICA O IL TESTO?

La musica. È il primo linguaggio con cui dialoghiamo quando creiamo. Il testo scaturisce strettamente dalla musica.

CAFÉBABEL: DI COSA SA BERLINO?

Una città nel mezzo di un cambiamento costante, rapido, totalizzante. Ti fa sentire bene. Un bel posto per provare e stare insieme (e creare nello stesso tempo). Mi piacciono inoltre le conversazioni illuminanti con le persone che vivono qui e l’assenza di regole autoritarie.

Young Magic, You With Air (2012). Altri suoni eclettici su: http://youngmagicsounds.com/

CAFÉBABEL BER­LIN DA' IL VIA AL JUKEBOX

Cafébabel Berlin – Jukebox |© Daniel Kokavecz/flickr

Ne avete ab­ba­stan­za della so­li­ta mi­ne­stra com­mer­cia­le in dieci video? Dei sug­ge­ri­men­ti alla radio o su Spo­ti­fy? A par­ti­re da apri­le la squa­dra lo­ca­le di Ber­li­no vi pro­po­ne di edu­ca­re i tim­pa­ni con dei gio­va­ni mu­si­ci­sti, dj e ar­ti­sti che vi sor­pren­de­ran­no. Re­sta­te sin­to­niz­za­ti al no­stro Juke­box. Sempre più brani e play­li­st sulla pagina Facebook e su Twitter.