Woodstock, Polonia

Articolo pubblicato il 04 luglio 2005
Articolo pubblicato il 04 luglio 2005

Attenzione, questo articolo non è stato ancora editato, né pubblicato in alcun gruppo

Dal 1995 tedeschi, polacchi e altri europei si incontrano in occasione della due giorni «Fermata Woodstock», il festival gratuito all’aperto all’insegna del motto “amore, amicizia e musica”.

Ancora non è stato inventato un bus per trasportare tutti gli ospiti del «Przystanek Woodstock» (“fermata Woodstock”): secondo gli organizzatori sono quasi 400 mila le persone che ogni anno partecipano al più grande evento all’aperto e gratuito d’Europa. Quest’anno il festival si terrà nei pressi della frontiera tra Germania e Polonia, a Kostryn, a non più di 100 km da Berlino. Il 5 e 6 Agosto 2005 tedeschi e polacchi avranno l’opportunità di conoscere non solo la musica dell’altra sponda della Oder ma anche di conoscersi a vicenda. Quello che serve è solo un po’di tempo libero e una tenda.

La festa di ringraziamento

È la Fondazione «The Great Orchestra of Christmas Charity» di Jerzy Owsiak che dal 1995 organizza il festival come forma di ringraziamento nei confronti dei donatori che ogni anno raccolgono materiale medico da distribuire ad ospedali per bambini in Polonia. Un festival grandioso con obiettivi altrettanto alti. Solo nel 2004 sono stati raccolti quasi sette milioni di dollari grazie alle offerte.

L’«Open-air e gratis» vale anche per le oltre trenta band che si esibiscono. La maggior parte dei gruppi sono semi-sconosciuti, ma ci sono anche star tedesche come i Toten Hosen di Düsseldorf, ospiti nel 2004, che non hanno ricevuto più di 100 zloty (circa 25 euro) come rimborso spese. Nonostante ciò ogni anno il palco è strapieno: questa edizione sono più di trecento i gruppi che hanno fatto richiesta d’adesione alla fondazione.

Peace patrols e pistole d’acqua

C’è spazio anche per un po’di “nostalgia”, termine con cui i tedeschi si riferiscono quella dell’Est socialista: il festival si svolge in un’ex-area militare. E visto che regna un’atmosfera familiare, gli addetti alla sicurezza qui si chiamano “peace patrols”, inoltre si è rinunciato a transennare il palco principale, permettendo invece ai graffittari di mettere alla prova la propria vena artistica sulle pareti di legno. Non mancheranno nemmeno le consuete battaglie acquatiche alle oltre 150 postazioni d’acqua. Per mangiare e bere a prezzi modici il festival è pienamente attrezzato. E chi vuole comunicare agli amici a casa le sue nuove esperienze, lo può fare comodamente e gratuitamente all’Internetcafé.

Quando alla vigilia del festival le prime automobili imboccano la B1 che da Berlino attraversa il ponte sulla Oder costruito nel 1992, ecco allora che i tedeschi stanno compiendo un altro passo di avvicinamento verso la grande e misteriosa Polonia. Sarà soprattutto l’interscambio personale più che le dichiarazioni politiche ad avvicinare le persone in questo 2005 tedesco-polacco.

Przystanek Woodstock

5 e 6 agosto 2005

http://www.wosp.org.pl/en/przystanek/2005/index.php